SBK Jerez 2016: il processo al GP di Spagna

E' tempo di dare i voti ai protagonisti del punultimo appuntamento del mondiale Superbike 2016 da Jerez. Chi mettiamo sul banco degli imputati? Ecco il nostro processo!

da , il

    SBK Jerez 2016. Torna l’appuntamento con il processo al weekend della SBK, stavolta il campionato delle derivate di serie è arrivato a Jerez, per la sua penultima tappa. Le due gare corse su questo circuito, hanno visto trionfare Chaz Davies su Ducati in entrambe le occasioni. Alla fine del weekend si tirano le somme, quindi avanti con le questioni: Occasione sprecata per Rea per concludere la corsa al titolo? Ducati quanti rimpianti? Hayden e Honda positivi, saranno da vertice il prossimo anno? Kawasaki dov’è l’evoluzione?

    Rea: è un pericolo non aver chiuso il mondiale a Jerez?

    ACCUSA: Rea avrebbe dovuto chiudere qui la lotta al titolo, che tra l’altro meriterebbe. Lasciare un piccolissimo spiraglio a Sykes potrebbe essere pericoloso, questa era l’occasione buona per festeggiare.

    DIFESA: Rea ha un margine di 48 punti da gestire su 50 disponibili. La pratica può essere sbrigata con estrema semplicità, inoltre il pilota è sempre stato concentrato per tutta la stagione, e lo sarà anche in Qatar per il finale.

    Ducati: quanti rimpianti?

    ACCUSA: Vedere una Ducati così vincente è un vero peccato, la stagione poteva essere ben diversa e a trionfare poteva esserci Chaz Davies. La moto nella seconda parte di stagione è stata superiore alla concorrenza.

    DIFESA: Lo sviluppo della Ducati è stato il migliore della stagione, oggi è la moto da battere ma specialmente a metà stagione non lo era, ed è per questo che alla fine non saranno gli uomini in rosso a trionfare. Nessun rimpianto.

    Honda e Hayden: il prossimo anno saranno da vertice?

    ACCUSA: E’ innegabile che Hayden sia cresciuto molto durante la stagione, ma è la Honda stessa che sarà tutta da scoprire. Prima di sentenziare una possibile lotta da vertice per Hayden e la Honda bisognerà vedere il progetto della nuova moto in pista.

    DIFESA: Le premesse per una grande stagione 2017 per Nicky Hayden e per la Honda ci sono tutte, il pilota ha trovato la sua dimensione con la categoria e siamo certi che farà sempre meglio nel suo futuro prossimo.

    Kawasaki: dov’è l’evoluzione?

    ACCUSA: Dov’è l’evoluzione di Kawasaki durante la stagione? E’ partita con un grande vantaggio su tutta la concorrenza ma oggi la verde nipponica è indietro rispetto alla Ducati e anche la Honda comincia a correre. Non sono segnali positivi in vista del 2017.

    DIFESA: L’obiettivo è stato raggiunto, la Kawasaki ha portato a casa il titolo costruttori e porterà a casa anche il titolo piloti, basterà capire chi sarà il campione ma sarà comunque un pilota in verde. La moto è stata perfetta durante la stagione.