SBK Jerez 2016, Tom Sykes: “Speriamo che succeda qualcosa”

SBK Jerez 2016 - Le parole di Tom Sykes prima del weekend di gara a Jerez. Il pilota inglese tenterà il tutto per tutto per recuperare su Rea.

da , il

    SBK Jerez 2016. Il tempo stringe e la stagione sta per concludersi, così anche per Tom Sykes le possibilità per chiudere il finale di questo campionato in bellezza sono sempre meno. Il suo recupero sul leader del mondiale Jonathan Rea sembra quasi impossibile, ma viste i risultati di queste prime sessioni libere del venerdì, niente va dato per scontato. Sicuramente Tom non ha nulla da perdere e si lancerà all’attacco con ogni mezzo. Ci sarà da vedere delle vere e proprie scintille in pista tra Sykes e Rea, che è sembrato inaspettatamente in ritardo fino ad ora, ma sappiamo bene che quando il gioco si fa duro, Rea è sempre pronto alla battaglia.

    Non si sa se il numero 66 di Kawasaki stia facendo dei riti propiziatori in vista delle gare del weekend, ma certamente egli confida nella buona sorte e in qualche aiutino dal destino: “Sto solo sperando che possa succedere qualcosa. Questo è tutto quello di cui abbiamo bisogno. Sono molto soddisfatto di aver riscoperto il ritmo sul bagnato a Magny-Cours, e sono fiducioso di essere in grado di essere veloce e competitivo in qualsiasi condizione. Abbiamo sicuramente trovato qualche buona ritmo e tipo di velocità in Francia e come detto, ho ritrovato la forma per correre nelle condizioni di bagnato“, ha detto. “In ultima analisi, le poche gare bagnate che abbiamo avuto quest’anno mi sono costate parecchio ai fini della classifica, tutta la differenza di punti è dovuto spesso e volentieri alle cattive gare fatte sul bagnato. Tutto è comunque utile a fine della preparazione per la stagione successiva. Dove ci troviamo ora significa che siamo sicuramente in grado di combattere in condizioni di asciutto, e non vediamo l’ora di lottare durante questo fine settimana. Abbiamo anche fatto dei test a Jerez quest’anno e abbiamo qualche informazione da sfruttare dopo queste prove. Abbiamo cambiato il set up della moto un bel po’ da allora, ma speriamo di poter essere nel campo da baseball quando scenderemo in gara a Jerez“.