SBK Laguna Seca 2016, USA: le pagelle da 10 a 0!

SBK Laguna Seca 2016 - Abbiamo dato le pagelle da 1 a 10 a tutto ciò che ha contraddistinto il GP degli USA.

da , il

    SBK Laguna Seca 2016. Appassionati di Superbike, benvenuti nello spazio dedicato alle pagelle del GP di Laguna Seca 2016 di SBK, il Gran Premio degli Stati Uniti d’America. Cercheremo di dare un voto da 10 a 0 a tutte le cose che hanno contraddistinto questo weekend, il nono stagionale del mondiale motociclistico delle derivate di serie. Sicuramente fioccheranno voti alti per coloro che si sono distinti particolarmente durante questo evento, carico di emozioni. Ma non anticipiamo nulla, adesso sfogliate le pagine per conoscere le pagelle di Misano, qualcuno potrebbe anche recriminare, ma il nostro giudizio sarà imparziale.

    VOTO 10: Kawasaki

    Stavolta premiamo con il massimo dei voti la moto e non il singolo, perché in qualunque modo è lei la moto da battere. La verde nipponica porta a casa ancora una volta una doppia vittoria grazie ad entrambi i piloti, prima è toccato a Rea poi a Sykes. Questa volta la bagarre non è stata solo una roba di casa, ma la Kawa se l’è dovuta vedere anche con un’ottima Ducati, e in ogni caso l’ha sempre spuntata.

    VOTO 9: Tom Sykes

    Diamo a Cesare quel che è di Cesare, a livello di singolo Tom Sykes ha spiccato davanti a tutti, perché come al solito ha fatto la pole position, ha ottenuto un secondo posto in gara-1 e la vittoria in gara-2, guadagnando terreno su Rea che si è ritirato. Un’occasione sfruttata a dovere dal pilota britannico.

    VOTO 8: Xavi Fores

    Un settimo e un quarto posto per Xavi Fores, che in gara-2 si mette dietro le spalle uno dei principali candidati al podio di questa sfida, ovvero Nicky Hayden. Niente male il weekend del pilota spagnolo, che guida una Ducati non certo ufficiale, ma come spesso è successo quest’anno ha trovato un feeling interessante riuscendo a cogliere qualcosa di ottimo per il suo team.

    VOTO 7: Nicky Hayden

    Lui è sempre stato il “mostro della Laguna” un pilota implacabile sul caldo di circuito di casa, ma stavolta Nicky Hayden non è riuscito a portarsi a casa un successo di fronte al popolo che tanto lo ama. Sicuramente la sua strada non è stata agevolata dalla sua moto, perché la Honda CBR ha fatto il massimo e lui l’ha guidata con grande classe, come sempre. Il podio di gara-1 è stata sicuramente una bella gioia.

    VOTO 6: Michael Van Der Mark

    Il pilota olandese è stato veloce durante tutto l’arco del weekend, e dopo il quarto posto di gara-1 ha conquistato un settimo in gara-2, qualcosa di strepitoso considerando che dopo le bandiere rosse Van Der Mark partiva dall’ultimo posto in griglia. Il pilota Honda deve ripartire da qui, il weekend americano non è stato qualcosa da buttare.

    VOTO 5: Chaz Davies

    Il riscatto di gara-2 c’è stato, ma non basta. Davies dice quasi addio alla lotta per il titolo, specialmente dopo la caduta in gara-1, vinta poi proprio da Jonathan Rea. Lo spettacolo offerto dal gallese nella gara della Domenica è stato qualcosa di bello per gli spettatori, ma non basta. Il pilota è generoso e guida sempre al limite per poter tenere il passo delle Kawasaki, peccato per l’occasione persa.

    VOTO 4: Leon Camier

    Uno dei piloti più positivi dell’anno, a nostro giudizio, in molti casi è riuscito a tirar fuori dal cilindro il meglio da una moto poco sviluppata e poco raffinata rispetto alla concorrenza. Stavolta però il weekend di Camier è stato assolutamente negativo, un undicesimo posto e un ritiro sono poca cosa, in aggiunta vanno considerate le difficoltà avute anche il venerdì e il sabato. Meglio archiviare la Laguna.

    VOTO 3: Milwaukee BMW

    Questo team vive una stagione davvero affannosa, anche a Laguna Seca i risultati non sono stati colti, un altro weekend da “lacrime e sangue”. La coppia Abraham e Brookes sta deludendo oltre le più negative previsioni, urgono delle importanti riflessioni sul proseguimento della stagione. Troppo le delusioni di questo 2016.

    VOTO 2: Al Sulaiti

    Siamo sempre qua a parlare di questo pilota, che naviga sempre nelle posizioni più basse della classifica, ma stavolta oltre ai pochi risultati, aggiunge anche un ritiro e un rischioso incidente. Altro weekend di paura e delirio per lui, un pesce fuor d’acqua.

    VOTO 1: Alla pericolosità del circuito

    A tutti piace Laguna Seca, è una pista spettacolare con sali e scendi vertiginosi e con quel “cavatappi” che il simbolo del Motorsport, un tratto davvero emozionante. Durante questo weekend però abbiamo visto esposta per troppe volte la banidera rossa, molti piloti sono stati protagonisti di brutte scivolate e brutti incidenti, il più pericoloso è stato quello del polacco Szkopek, che per qualche istante ci aveva spaventato. Meglio riflettere sulla sicurezza di questo impianto.

    VOTO 0: Vizziello

    Il pilota italiano è stato quasi invisibile, collezionando anche un NC in gara-1, più che uno zero in pagella, qui si potrebbe parlare di un SV, senza voto. Ma questo sono le nostre regole, e lo zero di questo weekend è per lui.