SBK Laguna Seca 2017, anteprima: la sfida mondiale passa dal Cavatappi

Anteprima del Gran Premio degli Usa, ottavo round del Mondiale Superbike 2017 dal fantastico tracciato di Laguna Seca. Tanti eventi in ricordo di Kentucky Kid Nicky Hayden. Rientra Chaz Davies, solita lotta in casa Kawasaki. Cosa aspettarsi da questo weekend?

da , il

    SBK Laguna Seca 2017, anteprima: la sfida mondiale passa dal Cavatappi

    SBK Laguna Seca 2017. Per il settimo round dell’anno la Superbike fa tappa in California, sul circuito di Laguna Seca, uno dei più iconici del mondo delle due ruote. Quest’anno purtroppo mancherà il padrone di casa, un pilota che qui ha vinto spesso e volentieri davanti al suo pubblico più caro. Come tutti sanno ormai, Nicky Hayden è scomparso prematuramente lo scorso maggio, e sarà questa un’occasione per rendere omaggio al campione del Kentucky da parte dei tifosi e da parte dei piloti in quello che sarebbe stato il suo circuito simbolo. Nel frattempo la sfida mondiale riparte con Rea saldamente al comando, col solo Sykes possibile sfidante, mentre rientrerà in pista Chaz Davies dopo l’infortunio post incidente di Misano Adriatico. Marco Melandri invece proverà a riconfermarsi davanti a tutti dopo la vittoria ritrovata nella seconda gara della Riviera Adriatica.

    SBK: Cosa aspettarsi da questo weekend di Laguna Seca?

    Facile pensare ad una vittoria sia il sabato che la domenica di Jonathan Rea, infatti il pilota del Nord Irlanda non sembra avere punti deboli, è affamato e concentrato, punta dritto al suo terzo titolo piloti consecutivo. E’ certamente il favorito di questo weekend di gara americano, d’altro canto il suo primo rivale è Tom Sykes, che è riuscito a vincere in Gara-1 a Misano, anche per la debacle di tutti i piloti che lo precedevano fino a quel momento in classifica. L’inglese ha 50 punti di svantaggio dal compagno, non molti, ma fino ad oggi non ha mai dimostrato di potergli stare davanti in modo concreto. Capitolo Ducati, la moto italiana sembra avere un pacchetto tecnico capace di far stare nelle prime posizioni i suoi due piloti, ma ormai il titolo sembra svanire. Chaz Davies dopo la sfortunatissima parentesi di Misano. si trova ad oltre 100 punti di distacco, rientra da un infortunio e le sue reali chances sono da valutare. Marco Melandri è ancora più indietro del gallese in classifica, ma è spinto emotivamente dalla vittoria ritrovata dopo tanto tempo, potrebbe essere uno dei papabili candidati al gradino più alto del podio. Le Yamaha potrebbe giocare il ruolo dei terzi in comodo, poche possibilità per gli altri piloti di stare davanti a questi costruttori.

    Il tracciato

    Mazda Raceway Laguna Sega aerial

    Il Mazda Raceway Laguna Seca, questo il nome completo del circuito statunitense, ha quasi sessantanni di attività alle spalle essendo stato costruito nel 1957.

    Questo tracciato, lungo 3610 metri e largo 15 metri con 7 curve a sinistra e 4 a destra, si sviluppa sul fianco di una collina a 250 metri sul livello del mare ma solo a partire dal 1988, grazie alla realizzazione della sezione compresa tra la curva 2 e la curva 5, raggiunge la lunghezza minima richiesta dalla FIM per l’omologazione.

    Il rettilineo più lungo misura 453 metri con senso di percorrenza antiorario e il pilota in pole position che parte sul lato destro della pista.

    In tempi più recenti, tra il 2005 e il 2006, alcune parti del tracciato hanno subito delle modifiche non per cambiare il disegno del tracciato, rimasto invariato a parte il piccolo intervento al dosso che precede il Cavatappi, ma per ampliare le vie di fuga, sostituire i cordoli, allargare il rettilineo di principale, spostare alcune protezioni, al fine di renderlo più sicuro.