SBK Magny Cours 2014: il Processo al Gran Premio di Francia

Processo al Gran Premio di Francia delle Superbike svoltosi a Magny Cours, penultimo atto della stagione 2014

da , il

    Marco Melandri SBK Magny Cours 2014

    Con il penultimo appuntamento del Mondiale Superbike svoltosi ieri sul tracciato di Magny Cours per la SBK 2014, si sta per chiudere anche la nostra rubrica del “Processo al Gran Premio“. Dopo aver riavvolto il nastro delle due manche francesi, siamo pronti per il nostro Processo. In questa rubrica, i nostri imputati sono: Aprilia per i casini con il team order, Guintoli per non essere in grado di vincere un mondiale con le sue forze, Sykes per il braccino che gli è venuto negli ultimi due round, Giugliano ancora tradito da se stesso più che dalla moto.

    Aprilia: e ora che si fa?

    ACCUSA: Come si fa a non saper gestire due piloti nell’arco di una intera stagione e dover ricorrere al team order solo alla penultima gara per favorire il pilota in lotta per il Mondiale? Aprilia ci è riuscita l’anno scorso e ci sta riuscendo anche quest’anno…Almeno in Kawasaki sanno chi è il pilota di punta…

    DIFESA: I team order si sono sempre fatti e anche Kawasaki lo dimostra…ciò non toglie però che Aprilia doveva decidere subito che era Guintoli il pilota su cui puntare…

    Sylvain Guintoli: a quando un titolo mondiale?

    ACCUSA: pur guidando la moto migliore, il francese non vincerà mai un titolo mondiale in Superbike se continua con la sua regolarità nei piazzamenti, perchè di vittorie non se ne parla. Cosa spera di ottenere andando in Honda l’anno prossimo?

    DIFESA: Sylvain è un buon pilota ma si trova spesso compagni più forti di lui (Laverty l’anno scorso e Melandri quest’anno)…

    Tom Sykes: dove sei finito?

    ACCUSA: è evidente che a Tom sia venuto il braccino, altrimenti non si spiegano gli ultimi round corsi sulla difensiva piuttosto che attaccare come ha sempre fatto dall’inizio della stagione. 12 punti su Guintoli sono pochi e per l’anno prossimo stai attento che Rea non è Baz…

    DIFESA: problemi di set up della sua Kawasaki gli hanno impedito di essere aggressivo in Francia dove l’anno scorso ottenne due vittorie su due gare.

    Davide Giugliano: che ti succede?

    ACCUSA: Davide è un buon pilota ma è troppo spesso vittima della sua foga di voler dimostrare quanto può andare forte.

    DIFESA: Sul bagnato l’errore è sempre dietro l’angolo. Vedere Rea, Laverty, Elias e tanti altri…