SBK Magny Cours 2014: le parole dei piloti prima della conferenza stampa

Conferenza stampa dei protagonisti del Mondiale Superbike 2014 che si sfideranno sul tracciato di Magny Cours per il penultimo atto della SBK

da , il

    Siamo giunti al penultimo atto della stagione SBK 2014 da Magny Cours e di conseguenza l’ultima trasferta europea del Mondiale che questo weekend farà tappa in Francia. Nella giornata di oggi si è tenuto il classico giro di interviste della vigilia del weekend che potrebbe dare il secondo titolo mondiale a Tom Sykes. E proprio da Tom Sykes si parte perchè è uno dei più attesi in questa conferenza stampa della vigilia.

    Per il team Provec Kawasaki hanno parlato tutti i piloti a cominciare proprio da Sykes per poi passare al padrone di casa Baz e in chiusura David Salom, leader della categoria EVO.

    Tom Sykes: “Questo sarà un weekend molto importante per le sorti della stagione. Sono molto rilassato, ma anche entusiasta di correre a Magny-Cours. E’ un tracciato sul quale ho fatto molto bene in passato, quindi guardo con attesa al ritorno in sella alla mia Ninja ZX-10R. Nonostante il podio in gara 2, abbiamo avuto dei problemi a Jerez, quindi spero che questa volta saremo decisamente più competitivi. Al momento la classifica ci sorride e anche con un errore nulla sarebbe compromesso. Ovviamente spero di incrementare la mia leadership questo weekend”

    Loris Baz: “Non vedo l’ora di scendere in pista a Magny-Cours, soprattutto perché non vi ho corso l’anno passato. E’ sempre speciale poter gareggiare davanti ai propri fan. Nonostante l’assenza del 2013 conosco la pista molto bene, in quanto ho corso qui nelle altre classi ed anche nel Bol D’Or. Mi piace il tracciato, la Ninja ZX-10R funziona molto bene qui, quindi sono sicuro che riusciremo ad ottenere dei buoni risultati. C’è sempre tanto pubblico a Magny-Cours e l’atmosfera è davvero speciale”

    David Salom: “La mia situazione di classifica è positiva. Quello di Magny-Cours non è un brutto tracciato, specialmente in situazione di completo asciutto, ma non è comunque il mio preferito. Ho un vantaggio di 41 punti nella classe EVO ma non voglio pensare alla vittoria finale, semplicemente ad ottenere il migliore piazzamento di categoria in gara. Mi sento bene perché la mia mano ora è praticamente a posto, se non al 100% di sicuro è al 95%. Il mio dottore ha detto che in un mese sarà in condizioni perfette e che il recupero è stato davvero molto buono”

    C’era molto interesse riguardo anche alle parole dei piloti Suzuki e Honda, con i rispettivi top rider Laverty e Rea coinvolti nelle vicende di mercato di questi giorni.

    Eugene Laverty: “Mi aspettavo un podio nell’ultima trasferta di Jerez, quindi sono rimasto deluso per non averlo ottenuto. Dobbiamo trovare un moto per far sì che il nostro passo veloce in prova si trasformi in un ritmo gara altrettanto competitivo. Non è un segreto che fatichiamo con gomme nuove e serbatoio pieno, per questo spero che riusciremo a migliorare in quest’area a Magny-Cours. Le regolazioni della frizione mi permettono di fare partenze molto migliori e questo è un gran passo avanti. Il mio obiettivo è quello di ottenere la prima fila, partire bene e dare il massimo”

    Alex Lowes: “Non vedo l’ora di correre a Magny-Cours, non siamo andati benissimo nelle ultime gare, ma abbiamo fatto qualche modifica per questo fine settimana. È una pista su cui ho già corso e sarà un buon passo in avanti rispetto ad altre gare di quest’anno. Il team ha fatto un gran lavoro a Jerez e ho una gran voglia di scendere in pista. Lavoreremo duro per questi due ultimi Round con l’obiettivo di trovare buoni risultati”

    Jonathan Rea: “Sono davvero contento di tornare a Magny-Cours, la pista mi piace molto ed ha numerosi cambi di direzione. Il tracciato dovrebbe adattarsi bene alla nostra moto ed in passato qui ho ottenuto dei buoni risultati. Ad essere onesti, non vedo l’ora di tornare in sella alla mia moto, queste lunghe pause tra un round e l’altro non aiutano a mantenere il ritmo. Mi sono allenato molto con la mia CRF450 da motocross, di modo da mantenere alto il livello di concentrazione. Nell’ultima trasferta di Jerez siamo risultati molto veloci nelle fasi finali di gara, forse i più veloci. Ora dobbiamo lavorare per trovare il giusto passo anche ad inizio della corsa, per poter lottare per la vittoria ed il podio. Cominceremo a lavorare con ciò che abbiamo e daremo il massimo per ottenere il miglior risultato possibile”

    Leon Haslam: “Non vedo l’ora di scendere in pista a Magny-Cours questo weekend, è passato un mese dall’ultima gara e questo non è il massimo per mantenere il buon livello di forma recente, ma così è. Mi piace la pista ed i risultati in passato sono stati buoni, anche se le gare dello scorso anno non sono andate bene. Il meteo può giocare un ruolo importante, come sempre, su questo tracciato. La pioggia potrebbe giocare a nostro favore ma ad ogni modo, non vedo l’ora di montare di nuovo in sella”

    Non si sono fatte attendere infine le dichiarazioni dei portacolori delle due case italiane, Aprilia e Ducati, il quartetto composto da Sylvain Guintoli, Marco Melandri, Davide Giugliano e Chaz Davies.

    Sylvain Guintoli: “Dopo il grande weekend di Jerez, non vedo l’ora di tornare in pista a Magny-Cours e provare a recuperare il distacco in classifica. Non sarà facile ma ho ancora una possibilità, quindi rischierò il tutto per tutto e darò il massimo per battere Tom. Il supporto del pubblico francese sarà per me un grosso vantaggio, in questi giorni mi sono allenato senza sosta quindi sono pronto”

    Marco Melandri: “Magny-Cours é una pista che mi piace molto, e a quanto pare il tempo sarà ottimale. Arrivo in buona condizione, voglio confermarmi sui livelli messi in mostra a Jerez. La concorrenza sarà sicuramente agguerrita ma ho sfruttato questo mese per ricaricare le pile e sono pronto a dare battaglia in pista”

    Davide Giugliano: “Magny-Cours è un bel circuito, è stato abbastanza favorevole per me nel passato e mi piace correre lì. Presenta una parte tecnica dove potremo utilizzare al meglio il potenziale della Panigale e anche se c’è un rettilineo lungo spero che, con tutto il lavoro che abbiamo fatto, il divario sia gestibile. Al Mugello il team di sviluppo ha lavorato molto su dei nuovi set-up, quindi sarà interessante vedere se c’è qualcosa che possiamo usare anche noi questo weekend. L’unica incognita sarà come sempre il meteo, ma in questo periodo dell’anno è normale e dovremo essere pronti a tutto”

    Chaz Davies: “Ho avuto qualche problema durante le ultime edizioni di Magny-Cours, o tecnico o legato al maltempo, ma sarà bello tornare in moto dopo questa pausa piuttosto lunga. Ci sono certe sezioni della pista, come i cambi di direzione, che si addicono molto alla la Panigale, anche la frenata in fondo al rettilineo per esempio, quindi sono ottimista. Ho ricevuto anche dei feedback positivi dopo i test effettuati dal team di sviluppo la scorsa settimana. I ragazzi a casa stanno lavorando molto e mi aspetto qualche piccola cosa da provare questo weekend per quanto riguarda il bilanciamento dei pesi”