SBK Magny Cours 2015: le Pagelle del Gran Premio di Francia

SBK Magny Cours 2015: le Pagelle del Gran Premio di Francia

SBK: Le Pagelle della Gara

    SBK FRANCIA 2015 pagelle

    Penultima puntata della nostra consueta rubrica “le Pagelle del Gran Premio” incentrate ovviamente sulla SBK Magny Cours 2015 del Mondiale Superbike che ha visto la doppietta di Jonathan Rea, fresco di titolo mondiale a Jerez. Ci siamo presi un po’ di tempo per riesaminare il nastro del weekend francese per dare i voti ai protagonisti delle due gare. Pronti? Prima dentro e partiamo!

    SBK Magny Cours 2015 Jonathan rea

    Jonathan Rea 10: Assolutamente perfetto nella gestione delle due gare, sia sul bagnato che con pista asciutta. Un buon modo per celebrare il titolo conquistato ad Jerez dopo due gare opache in Spagna condizionate anche da problemi alla sua Kawasaki. Sta riuscendo perfettamente nell’impresa di non scendere mai dal podio in una stagione a dir poco trionfale. Si fa beffe del compagno di box in gara-1 e poi sfianca la resistenza di Davies in gara-2. CINICO

    Sylvain Guintoli 9: si sa che sul bagnato il francese si esalta. Davanti al pubblico di casa si regala il primo podio in Honda dopo una stagione a dir poco travagliata e si presenterà in Yamaha con un bel biglietto da visita in vista del 2016. Si congeda dalla Honda con questa magra soddisfazione dopo una stagione piena di sogni e speranze SAYONARA HONDA

    Michael Van Der Mark 8,5: il ragazzo cresce e bene anche. Le bagarre lo esaltano e lui si esalta prendendosi il lusso di sverniciare all’esterno un Haslam in crisi di gomme. Aspettative alte su di lui nel 2016 dopo un anno da rookie in Superbike. MOST IMPROVED RIDER

    Luca Scassa 8,5: E’ vero che le copertine sono tutte per Johnny Rea e la sua fantastica doppietta ma nessuno si è accorto della prestazione di Luca in sella alla Panigale. Rientrato dall’infortunio alla spalla, piazza la zampata in Superpole passando in SP2 prima e qualificandosi sesto poi. Gara-1 non perfetta ma gara-2 solida e conclusa in top 10. WELCOME BACK!

    Leon Camier 8: La “furbata” di transitare dai box per un secondo giro di ricognizione prima di gara-1 aiuta lui e la MV ad adattarsi alle condizioni della pista e portarsi a casa un insperato quinto posto finale davanti a gente del calibro di Davies e Baiocco. Fa più fatica con l’asciutto in gara-2 ma il premio va alla stupenda gara-1. FURBO

    Chaz Davies 7,5: Anche lui in preda alla crisi delle gomme, salva la situazione chiudendo al sesto posto in gara-1. Gara-2 rimane incollato al codone di Rea fino a quando può centrando ancora un podio e consolidando il suo secondo posto in campionato. TENACE

    Tom Sykes 6,5: Al barbuto inglese proprio non va giù l’aver perso il confronto interno con il suo compagno di box Johnny Rea. In gara le prova tutte per vincere davanti al suo compagno ma strapazza troppo le gomme e finisce per farsi uccellare da Rea prendendosi anche una sportellata. Situazione che si ripete anche in gara-2 con Johnny vincitore e Tom al terzo posto dietro a Davies. Il secondo posto in campionato si allontana sempre di più. MUSO LUNGO

    Leon Haslam 6: la pole di ieri poteva far presagire un esito diverso delle due manche di oggi come si auspicava lo stesso pilota inglese. In gara-1 le gomme finiscono troppo presto e Leon è costretto al cambio per montare le intermedie, in gara-2 non riesce a reggere il passo dei primi con una moto che ha un potenziale enorme ma non viene sfruttato a dovere dai piloti. CORNUTO E MAZZIATO

    MENZIONE SPECIALE: Kenan Sofuoglu per il quarto titolo in carriera in Supersport, mai nessuno aveva vinto così tanti titoli in questa categoria. La dedica poi al figlio scomparso è qualcosa di tenero e toccante

    718

    PIÙ POPOLARI