SBK Misano 2015: il Processo al Gran Premio di San Marino

SBK: Il Processo alla Gara

da , il

    Ben ritrovati per l’ottava puntata della nostra consueta rubrica “il Processo al Gran Premio” ovviamente incentrato sul Gran Premio di San Marino del Mondiale SBK 2015 chiuso con Kawasaki ancora al top grazie alle vittorie di Sykes e Rea. Ci siamo presi un po’ di tempo per riavvolgere il nastro del weekend sul tracciato di Misano Adriatico e scegliere chi mandare a processo. Cominciamo da Aprilia e la scelta di richiamare Biaggi, Honda sempre più in crisi e Ducati che ha bisogno di tanto lavoro per raggiungere Kawasaki. Pronti? Prima dentro e partiamo!

    Aprilia: urge tornare al vertice!

    ACCUSA: Se per dare la scossa serve richiamare il tuo uomo immagine allora c’è qualcosa che non va! Haslam dopo l’inizio scoppiettante si è sciolto come neve al sole e Torres ha tanto ancora da imparare visto che non conosce la maggior parte delle piste.

    DIFESA: Ci sentiamo di difendere la scelta di Aprilia di far fare un round premio a Max Biaggi per il lavoro svolto durante l’anno sperando che sia Haslam che Torres ne traggano vantaggio…

    Honda: crisi tecnica o c’è dell’altro?

    ACCUSA: Ormai l’abbiamo capito…ad Honda non interessa tornare a vincere in Superbike ed era Rea il solo a far viaggiare la vecchia CBR il cui progetto è arrivato al capolinea. Certo che finire due volte dietro ad un Pirro alla sua prima esperienza sulla Panigale Superbike non deve essere il massimo della vita…

    DIFESA: Guintoli e Van Der Mark fanno quello che possono con una moto non in grado di stare con i primi ma neanche con Badovini e compagnia…

    Ducati: tutto bene ma…

    ACCUSA: Troppi problemi tecnici stanno minando la competitività di una Panigale che è comunque seconda forza del Mondiale dietro alle imprendibili Kawasaki. Progetto Panigale che ha bisogno ancora di tanto lavoro in termini di motore e ciclistica per puntare alla vittoria

    DIFESA: Buon weekend nel complesso considerando i vari problemi (Giugliano acciaccato e Davies con problemi al cambio in Superpole) e 801esimo podio nel Mondiale Superbike