SBK Mosca 2012: gara 1 a Tom Sykes, 2° Melandri e 3° Biaggi

da , il

    tom sykes mosca 2012

    Gran gara di Tom Sykes che sul nuovo circuito di Mosca su porta a casa Gara 1 del mondiale SBK 2012. Il Britannico vince davanti a Marco Melandri e a Max Biaggi, che supera nelle fasi finali di gara il compagno Eugene Laverty e rimane così in testa al Mondiale delle derivate di serie. Fantastica gara di Chaz Davies in rimonta, ma alla fine è autore di una caduta nelle ultime tornate.

    La partenza della gara si prospetta a dir poco incerta. Il tempo avverso ci fa trovare una situazione simile a quella di Monza, con una pista bagnata in certi punti e con una traccia di asciutto in altri. La decisione delle gomme per tutti tranne che per Camier, che preferisce un approccio più sicuro con le rain, ricade sulle slick. Allo start è Tom Sykes a mettere sull’asfalto tutto ciò che si può rischiare, andando direttamente al comando e inziando a spingere per creare un gap sufficiente a consolidare la sua leadership della gara. Seguono con un metodo più “Cauto” Haslam, Laverty, Checa, Rea e Melandri, partiti per la gran parte su uno schieramento bagnato. Gran gara anche di Davide Giugliano e Chaz Davies, in risalita dalle posizioni di centro classifica e accodandosi a Checa. Biaggi al secondo giro si ritrova scivolato fino in nona posizione, complice un week end in cui il set up perfetto non si è mai trovato.

    Impossibile non notare lo svantaggio delle Ducati in rettilineo, dove perdono secondo i tecnici fino a 3 decimi sul giro. Cercando di controbilanciare questo problema, Carlos Checa commette l’errore di lasciare l’interno dell’ultima curva a Jhonny Rea, finendo dopo un contatto in terra e concludendo la sua gara a 3 giri dall’inizio. Nello stesso momento un avvelenato Giugliano si porta in terza posizione e fa scattare la bagarre tra lui, Haslam e Laverty, rispettivamente secondo e quarto. Ad un terzo della gara si unisce al gruppetto che lotta per la seconda posizione Jonathan Rea, seguito da vicino da Chaz Davies, anche lui in grandissima ripresa.

    La gara per Davide Giugliano si conclude poco dopo la metà, causa lo sforzo che ha fatto sostenere alle gomme durante i primi giri per compiere il recupero sui primi. Prende la sua posizione Marco Melandri, alla ricerca di tutti i punti possibili per sorpassare Max Biaggi, sesto a dieci secondi dal Ravennate. Ma i colpi di scena non sono finiti, si vede chiaramente che Laverty si trova in difficoltà, con una gomma sul lato destro tanto rovinata da essere visibile dalla telecamera onboard. Sfrutta la mancanza di grip Chaz Davies, che porta largo Laverty facendolo sorpassare contemporaneamente dai due piloti ufficiali della BMW. Virtualmente sul podio il pilota Aprilia Parkin’go e Pocket Rocket Haslam, che però commette un errore a 7 giri dal termine e finisce in terra, portando fuori pista anche Davies, che rientra quarto e riprende a fare una gara da leone, purtroppo conclusasi a 2 giri dal termine per un mancato inserimento della marcia. Fuori anche Jonathan Rea, mentre Haslam riprende la gara concludendo sesto.

    Con un vantaggio gestito da vero campione Tom Sykes vince la gara, seguito a circa 8 secondi da Marco Melandri. Il podio sembrava sicuro per Eugene Laverty che per quanto in difficoltà aveva un buon vantaggio, salvo poi un sospetto rallentamento di Laverty come all’attesa di Biaggi, che riesce a sopravanzarlo molto (anche troppo) facilmente all’ultima curva, finendo terzo. Gesto eloquente con la mano del pilota Britannico dell’Aprilia, non contento di quello che a molti è sembrato un “ordine di scuderia” non confermato ne smentito da Massimiliano Biaggi al parco chiuso. Seguono Fabrizio, Haslam, Canepa e Zanetti. Chiudono la Top Ten John Hopkins su Suzuki e David Salom del Team Pedercini.

    Ordine di arrivo Gara 1 SBK MOSCA 2012

    1 2 66 T. SYKES GBR Kawasaki Racing Team Kawasaki ZX-10R

    2 5 33 M. MELANDRI ITA BMW Motorrad Motorsport BMW S1000 RR

    3 7 3 M. BIAGGI ITA Aprilia Racing Team Aprilia RSV4 Factory

    4 3 58 E. LAVERTY IRL Aprilia Racing Team Aprilia RSV4 Factory

    5 17 84 M. FABRIZIO ITA BMW Motorrad Italia GoldBet BMW S1000 RR

    6 4 91 L. HASLAM GBR BMW Motorrad Motorsport BMW S1000 RR

    7 10 59 N. CANEPA ITA Red Devils Roma Ducati 1098R

    8 14 87 L. ZANETTI ITA PATA Racing Team Ducati 1098R

    9 11 21 J. HOPKINS USA FIXI Crescent Suzuki Suzuki GSX-R1000

    10 16 44 D. SALOM ESP Team Pedercini Kawasaki ZX-10R

    11 9 76 L. BAZ FRA Kawasaki Racing Team Kawasaki ZX-10R

    12 19 86 A. BADOVINI ITA BMW Motorrad Italia GoldBet BMW S1000 RR

    13 12 4 H. AOYAMA JPN Honda World Superbike Team Honda CBR1000RR

    14 20 5 A. LUNDH SWE Team Pedercini Kawasaki ZX-10R

    15 18 2 L. CAMIER GBR FIXI Crescent Suzuki Suzuki GSX-R1000

    16 21 69 D. MCFADDEN RSA Team Pedercini Kawasaki ZX-10R