SBK Nurburgring 2013, Superpole: Badovini porta la Ducati davanti a tutti [FOTO]

La SBK al Nurburgring va ad affrontare la Superpole, e noi di Derapate

da , il

    Si parte ragazzi miei! Inizia la Superpole che deciderà la prima fila del Decimo Round del Mondiale SBK, in quel di Nurburgring Gp-Strecke. Qui in Germania indovinate un pò? C’è un tempaccio. Come ci ha abituato la SBK ci sarà da scegliere tra coperture Slick, Rain o Hovercraft, e per avere un pizzico di difficoltà in più il tutto viene anticipato alle 15. In tutto questo abbiamo da segnalare l’ottima prestazione di Baz nelle libere, che si porta in testa alla classifica dei tempi seguito da Leon Haslam e Tom Sykes. Ma la vera sorpresa è Ayrton Badovini, che all’ultimo secondo di una Superpole molto incerta per il tempaccio strappa a Melandri (2°) e Sykes (3°) la Pole Position!

    Nurburgring – FIM Superbike World Championship – Superpole 2 Wet

    1. Ayrton Badovini (Team Ducati Alstare) Ducati 1199 Panigale 2’09.513

    2. Marco Melandri (BMW Motorrad GoldBet SBK) BMW S1000 RR 2’09.616

    3. Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) Kawasaki ZX-10R 2’10.136

    4. Loris Baz (Kawasaki Racing Team) Kawasaki ZX-10R 2’10.401

    5. Jonathan Rea (Pata Honda World Superbike) Honda CBR1000RR 2’11.204

    6. Leon Haslam (Pata Honda World Superbike) Honda CBR1000RR 2’12.006

    7. Chaz Davies (BMW Motorrad GoldBet SBK) BMW S1000 RR 2’12.663

    8. Sylvain Guintoli (Aprilia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 2’13.177

    9. Jules Cluzel (Fixi Crescent Suzuki) Suzuki GSX-R1000 2’14.454

    10. Max Neukirchner (MR-Racing) Ducati 1199 Panigale 2’15.975

    11. Leon Camier (Fixi Crescent Suzuki) Suzuki GSX-R1000 2’16.393

    12. Eugene Laverty (Aprilia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 2’16.409

    13. Michel Fabrizio (Red Devils Roma) Aprilia RSV4 Factory 2’16.660

    14. Davide Giugliano (Althea Racing) Aprilia RSV4 Factory 2’18.775

    15. Matej Smrz (Yamaha Motor Deutschland) Yamaha YZF R1 2’19.277

    16. Mark Aitchison (Team Pedercini) Kawasaki ZX-10R 1’56.344

    17. Markus Reiterberger (Vanzon-Remeha-BMW) BMW S1000 RR 1’56.362

    18. Carlos Checa (Team Ducati Alstare) Ducati 1199 Panigale 1’56.451

    19. Federico Sandi (Team Pedercini) Kawasaki ZX-10R 1’57.482

    20. Vittorio Iannuzzo (Grillini Dentalmatic SBK) BMW S1000 RR 1’58.409

    ORE 15:50 Bandiera a scacchi! Ed è Ayrton “SPEEDY” Badovini a portarsi la pole a casa, in 2’09.515, seguito quindi da Melandri e Sykes. Parecchie cadute negli ultimi minuti, tra cui proprio Sykes, Davies e Cluzel. La classifica finale qui sopra.

    ORE 15:40 Qua son pazzi. Melandri riesce a girare sgondolando a destra e sinistra facendo 2’11.415, sembrava un tempone. Poi arriva Badovini, che fa 2’11.288 e pensi che a tutti qui manca un pezzo. Non fai in tempo a dirlo che Melandri fa 2’10.592 Non si fa in tempo a scrivere che questi si inventano qualcosa. In definitiva il Ravennate è in testa, seguito da Badovini e Sykes. Seconda fila provvisoria per Davies, Baz e Rea, chiudono Haslam, Cluzel e Guintoli

    ORE 15:30 Bandiera Verde 2! Tra diluvio e due gocce il tempo ancora non ha ben deciso che deve fare. La pista è bagnata ma quando viene giù veramente si perdono 4-5 secondi sul giro solo di visibilità. I nove scendono per contendersi la Superpole!

    ORE 15:20 Bandiera a scacchi 1! Badovini all’ultimo strappa la prima parte della pole a Sykes in 2’13.459 seguiti da Rea, Melandri, Badovini e Baz. Fuori Laverty con un problema alle sospensioni, Fabrizio, Neukirchner, Camier, Giugliano e Smrz, caduto a metà turno.

    ORE 15:10 Il tempo di qualifica è tra i 2’17 e 2’18, apre le danze Badovini in 2’18.1 sorpassato immediatamente da Melandri in 2’17.136. Baz terzo seguito da Cluzel, Camier e Smrz su Yamaha. Si vede il livellamento delle prestazioni rispetto alle condizioni della pista, ma Melandri sta preparando il colpaccio

    ORE 15:00 Bandiera verde e bianca! Ovviamente piove ma almeno adesso piove per davvero. Primi giri esplorativi, l’unico che azzarda la Rain dall’inizio è Badovini. Wet Superpole, quindi due turni da venti minuti. VIA!