SBK Portimao 2014: il Processo al Gran Premio delle Superbike

Processo al Gran Premio del Portogallo delle Superbike 2014 da Portimao concluso con le vittorie di Sykes e Rea

da , il

    08 portimao rea gb38587

    Amanti del motociclismo ben ritrovati con la consueta rubrica del “Processo al Gran Premio di Portimao della SBK 2014“, questa volta relativo al Gran Premio del Portogallo appena concluso. Dopo aver dato i voti ai protagonisti e riannodato i fili degli accadimenti delle due gare, siamo pronti per mettere alla sbarra chi si è distinto negativamente in queste due gare. A processo ci va Aprilia per il patatrac di gara-2 tra Guintoli e Melandri, ci va Sykes per una gara-2 decisamente scialba, ci va Laverty per una gara-2 corsa con il freno a mano tirato.

    Aprilia: perchè questo patatrac?

    ACCUSA: Guintoli ha scelto il momento sbagliato per tirare giù Melandri. I due avevano appena preso Rea e potevano lottare per la vittoria con l’irlandese. Un contatto che al patatrac Honda HRC a Estoril 2006 gli fa un baffo…

    DIFESA: E’ un contatto di gara e ci può stare che Guintoli ne avesse di più per puntare alla vittoria…

    Tom Sykes: dove sei finito?

    ACCUSA: tanto forte in gara-1 quanto debole con la pioggia di gara-2. Sembra un pilota double-face…

    DIFESA: Una gara scialba ci può stare se la tua moto non è settata perfettamente per le condizioni di quella gara

    Eugene Laverty: che succede sul bagnato?

    ACCUSA: Sembra di vedere il primo Pedrosa, quello che sul bagnato non andava proprio…E oggi si è visto proprio quanto sul bagnato non riuscisse a tenere il passo del suo compagno…

    DIFESA: Setting non perfetto della sua Suzuki sul bagnato ma d’altronde nessuno ha provato sul bagnato e quindi non c’erano riferimenti disponibili

    SBK Misano 2014 paddock girls