SBK Qatar 2014, Tom Sykes è il grande sconfitto del mondiale Superbike

Tom Sykes ha perso il titolo mondiale in gara-2 del Qatar per la SBK 2014

da , il

    Tom Sykes è stato, fino all’inizio di Gara-2 del Gran Premio di Qatar, in vetta alla classifica iridata della SBK 2014. Il pilota inglese non è riuscito a laurearsi campione del Mondo 2014 per una manciata di punti e per la doppietta di Sylvain Guintoli. Per il britannico, classe 1985, poteva essere il secondo titolo mondiale in carriera. Il pilota della Kawasaki è stato in lotta, durante l’intero campionato con Sylvain Guintoli e il lungo duello ha emozionato gli appassionati delle due ruote. Tra i due piloti è stata decisiva l’ultima gara della stagione. Ora per Sykes sarà tempo di meditare e ricaricare le pile in vista del prossimo campionato.

    La stagione di Tom Sykes è stata nel complesso bella e ricca di soddisfazioni. Il vice-campione del Mondo è riuscito ad avere una costanza di risultati probabilmente superiore rispetto ai rivali per il titolo. Sylvain Guintoli, rispetto a Sykes, ha avuto una partenza più lenta in campionato ma poi nelle ultime tappe è riuscito ad accorciare il gap di punti fino alla conquista del titolo. A prescindere dalle otto vittorie e dai podi conquistati, Sykes è riuscito quasi sempre ad essere in tutti i Gran Premi nel gruppo di testa e lottare per il successo. Il ritiro in Gara -1 di Sepang è stata l’unica volta che non è riuscito ad entrare nelle prime posizioni. Solo Guintoli ha avuto un ritmo simile al britannico. Il francese ad un certo punto aveva addirittura 40 punti in meno di Sykes e difficilmente era ipotizzabile un finale di stagione cosi scoppiettante. Anche Marco Melandri e Jonathan Rea hanno provato in diverse circostanze ad insidiare la leadership del campione del Mondo, senza però riuscirci. Marco Melandri, dopo un inizio altalenante, è stato uno dei piloti che maggiormente si è avvicinato in classifica alla coppia di testa.

    Tom Sykes, seppur sia il grande sconfitto della stagione, è stato sicuramente il protagonista dell’intero campionato. Il britannico è caduto sul più bello quando ormai il titolo sembrava nelle sue mani ma resta negli annali la sua stagione ricca di successi e podi. Sykes ha cercato di bissare il successo di 12 mesi fa ma non aveva fatto i conti con l’Aprilia di Guintoli. Il francese diventa dunque il nuovo campione del Mondo e Sykes si deve accontentare della seconda posizione finale. Guintoli succede allo stesso Sykes nell’albo d’oro della Superbike. Se l’inglese avesse vinto il titolo avrebbe raggiungere un folto gruppetto piloti che hanno scritto la storia della SBK come Edwards e Biaggi. Per Sykes, appuntamento dunque alla prossima stagione quando siamo certi proverà a riscrivere il proprio nome nell’albo d’oro della categoria.