SBK Thailandia 2016, Tom Sykes: “Sono fiducioso, punto in alto”

SBK Thailandia 2016 - Le parole dei piloti; Tom Sykes sembra fiducioso sulle potenzialità della Kawasaki in vista del weekend. Alex Lowes è pronto per il riscatto.

da , il

    SBK Thailandia 2016. Ci sono almeno due piloti che sono tornati con le ossa rotte dopo la prima trasferta mondiale in Australia sul circuito di Phillip Island. Il primo è senza dubbio Tom Sykes, l’alfiere di Kawasaki che punta dritto al titolo iridato, ha steccato all’esordio stagionale, nonostante una Superpole. Il pilota britannico ha già un distacco di 29 punti dal suo compagno di squadra, l’attuale campione del mondo delle derivate Jonathan Rea. Dopo solamente una tappa si tratta di un distacco consistente, e vista anche la grande concorrenza fra i pretendenti al titolo, già dalla Thailandia Sykes dovrà darci dentro. L’altro pilota che ha avuto un inizio non brillante è Alex Lowes, del Team Pata Yamaha Racing, che ha conquistato solo 2 punti ed ha perso in maniera netta il confronto col suo compagno di box, Sylvain Guintoli. Per entrambi è arrivato il momento di invertire rotta, per questo motivo sentiremo le loro parole in vista delle gare da correre in Thailandia.

    Sykes:”Lo scorso anno mi sono divertito”

    SBK Australia 2016, Sykes davanti nella prima metà

    Tom Sykes è un pilota ambizioso, è già stato campione di SBK, e sa come si vince e per questo motivo non è apparso molto preoccupato nonostante il gap di 29 punti che già lo separa da Rea, ed anzi sembra molto carico in vista delle sfide sul circuito di Bariram. Ecco le sue dichiarazioni in proposito:”Il Chang International Circuit, sulla carta, è un circuito che potrebbe davvero darci soddisfazioni, quindi sono entusiasta di tornarci. Ho ottenuto un podio in una delle gare dello scorso anno, ma quest’anno possiamo fare di meglio“. Il britannico ha inoltre aggiunto:”Mi ricordo nel 2015 qui abbiamo avuto un gran numero di spettatori nel circuito ed anche per questo mi sono divertito. Quest’anno abbiamo anche una ZX-10R migliore quindi sono fiducioso sulla gara in Thailandia“.

    Lowes:”Bisogna fare un grande lavoro”

    Alex Lowes

    Alex Lowes è nuovo nel Team Pata Yamaha, e a Phillip Island ha fatto molta fatica, ed ha molte attenuanti per aver ottenuto solamente un quattordicesimo posto in Gara2. Il pilota inglese non vede l’ora di voltar pagina in Thailandia, un circuito che conosce dallo scorso anno ma che per lui emana già ricordi positivi:”Il Chang Intenational Circuit mi fa venire alla mente buoni ricordi per la mia gara dello scorso anno“, ha detto Lowe. “E’ un circuito del calendario di quest’anno relativamente nuovo, essendo solamente per la seconda volta nel Mondiale Superbike. Intanto sto visitando la Thailandia, e non vedo l’ora di cominciare. In realtà non ho molto da dire riguardo a Phillip Island, sto cercando di fare un inizio adeguato alla mie possibilità. Mi sento sereno e rilassato questa settimana e davvero impaziente di scendere in pista“. L’ex pilota di Suzuki ha parlato un po’ anche della sua nuova moto in vista del fine settimana thailandese:”Sarà un weekend difficile per via anche delle temperature sul circuito e abbiamo già un sacco di lavoro da fare prima di prove libere di Venerdì sulla YZF-R1, ma sono fiducioso perché questa moto ha del potenziale“.