SBK Thilandia 2016 Gara 2, Sykes: “Ho dato il massimo”

SBK Thailandia 2016. Le parole dei protagonisti del podio di Gara 2 sul Chang International Circuit.

da , il

    SBK Thailandia 2016. E’ stata una gara davvero emozionante questa corsa di domenica sul circuito di Buriram. Una grande battaglia tra tre piloti magnifici, quali Sykes, Rea e Davies. I due alfieri di Kawasaki non si sono risparmiati colpi durissimi fino all’ultimo, e il numero 66 della verde è riuscito a battere il suo avversario campione del mondo solo sul traguardo. Il pilota Ducati invece, Chaz Davies, ha cercato di inserirsi tra i due di testa, ma alla fine ha dovuto accontentarsi di un comunque gradito terzo posto. Tutti e tre i piloti hanno comunque deliziato la platea degli 86.000 spettatori presenti in Thailandia.

    Sykes: “Bella battaglia”

    SBK Thailandia 2016, il podio

    Come detto è stata una sfida davvero emozionante ed eccitante, gli ultimi giri sono stati scoppiettanti, e Tom Sykes ha dovuto spremere la sua moto e tutte le sue energie fisiche e psichiche per resistere agli attacchi di Johnny Rea. Per questo motivo il britannico è apparso davvero fiero di ciò che ha ottenuto, e lo ha sottolineato anche ai microfoni dei giornalisti: “Bella battaglia, negli ultimi giri ho dato davvero tutto. E’ stato un magnifico risultato, in frenata ho sempre usato una linea difensiva ed ha funzionato. Una sfida pulita tra me e Johnny. Qui l’anno scorso ho avuto grandi difficoltà e anche oggi avevo un po’ di sottosterzo nelle curve lunghe“.

    Jonathan Rea non si accontenta, e nonostante le tre vittorie su quattro gare disputate fino ad ora, risultato ottenuto in gara 2 non lo soddisfa pienamente, e non lo nasconde: “Ora pensiamo al campionato. E’ stata una bella gara da vedere, ho provato a sorpassare Tom in più occasioni, ma proprio non mi lasciava spazio. Faceva delle staccate incredibili mentre io ero più veloce nella parte guidata. Sono comunque contento per i punti ottenuti“.

    Chaz Davies con una moto di certo con un potenziale non da Kawasaki ha lottato come un leone per la vittoria, alla fine è arrivato terzo ma è comunque un successo per lui e per il team, dato che questa non era una pista favorita alla Ducati. Ecco le sue parole post gara: “Una gara molto complessa, non solo per le temperature. Per le Ducati questa è una delle piste più problematiche. Sono contento di essere finito subito dietro le Kawasaki. Ieri è stato un disastro, non avevo mai il controllo, oggi invece è stata tutta un’altra storia. E’ un giorno felice“.