Scandalo traction control in F1: il limitatore di velocità della corsia box diventa anti-spin

Scandalo traction control in F1: nei test il limitatore di velocità della corsia box diventa anti-spin

da , il

    Scandalo traction control in F1: nei test il limitatore di velocità della corsia box diventa anti-spin

    La notizia è uscita in sordina ma, in poco tempo, potrebbe diventare una vera e propria bomba in grado di spazzare via ogni altra polemica nuova o vecchia che sia. I team di F1 hanno trovato il modo per ovviare all’assenza del traction control usando un “bug” all’interno della centralina unica costruita dalla McLaren.

    La prima cosa che i veri pezzi di maligni hanno pensato è stata che alla McLaren ne siano da sempre stati a conoscenza. I buoni si sono preoccupati, invece, del fango ulteriore che sarebbe ingiustamente finito addosso alla squadra di Woking.

    Il punto, però, è un altro. La scuderia di Ron Dennis non c’entra, almeno al punto a cui siamo arrivati adesso. Praticamente tutti i team impegnati a Jerez, infatti, hanno mostrato enormi progressi nelle curve lente e ZERO pattinamento in uscita e nelle prove di partenza da fermo.

    Il trucco? Semplice: il traction control non c’è più. Ma c’è il limitatore di velocità per la corsia box che, se azionato al momento giusto e settato ad hoc, aiuta/risvolve i problemi di pattinamento come il migliore degli anti-spin.

    Ora, che fare? Accertamenti, prima di tutto. I sospetti di Jarno Trulli che sembravano miraggi nel deserto sono ad un tratto diventati roba drammaticamente seria.

    Poi c’è da trovare il modo di risolvere il problema. In fretta, però! Max Mosley dice che loro sono in grado di monitorare tutto alla perfezione e che nulla potrà sfuggire alla scatola nera della FIA. Speriamo. Speriamo anche che la McLaren scenda in campo, provveda a risolvere e dia ampie e rassicuranti spiegazioni.

    A Melborune non ce n’è uno tra piloti, dirigenti, sportivi, giornalisti, tifosi (e parenti degli stessi) che voglia sentir parlare di ‘sta storia. Brutta!