Sebastian Vettel: tutti i record del pilota tedesco

Sebastian Vettel vince il quarto titolo mondiale di Formula 1

da , il

    Sebastian Vettel: tutti i record del pilota tedesco

    Anche da questi dettagli si capisce che razza di fenomeno sia Sebastian Vettel. Un articolo nel quale, oltre alla immancabile biografia, snoccioliamo i record imbachecati da un pilota di Formula 1, è un qualcosa che nei tanti anni di Derapate.it, è toccato solo ad un altro personaggio. Trattasi dell’immenso Michael Schumacher. Il che è tutto dire. Nato nel 1987, a soli 26 anni, Vettel è già 4 volte campione del mondo ma soprattutto detentore di tantissimi primati di precocità come il più giovane campione del mondo, vincitore di un GP, poleman, etc.

    Sebastian Vettel: biografia

    Sebastian Vettel mette il sedere per la prima volta su un vero kart nel 1995. 8 anni d’età. Leggenda narra che abbia iniziato a muovere i primi passi nella pista di Kerpen realizzata da Michael Schumacher. Tra il 2001 e il 2002 raccoglie alcuni interessanti successi ma è nel 2003 che arriva il salto di qualità con il passaggio al campionato tedesco di Formula BMW che stravince, già a modo suo potremmo dire, nel 2004 (18 vittorie su 20 gare). Nel 2005 passa alla Formula 3 Euro Series dove chiude al 5° posto in classifica ma ottiene il premio di miglior debuttante. L’anno seguente è secondo, battuto da un certo Paul di Resta (da qui inizia la convinzione nello scozzese che, a parità di macchina, darebbe tutt’oggi paga a Seb). Sempre nel 2006 prende parte ad alcune gare della Formula Renault 3.5 ed al Masters di Formula 3 mettendosi ulteriormente in evidenza. Il dado è tratto. Già nel 2006 la BMW lo chiama per disputare le prove libere degli ultimi 5 GP di F1 della stagione. Qui arrivano i suoi due primi record: pilota più giovane ad aver guidato nelle libere del venerdì (19 anni e 53 giorni) e pilota più veloce a prendere una multa (1000 dollari per eccesso di velocità in pitlane dopo 9 secondi di carriera!). Nel 2007 alterna ancora il ruolo di pilota del venerdì per la BMW e la partecipazione alla World Series by Renault fino al Gran Premio degli Stati Uniti di F1 nel quale c’è il suo esordio in gara come sostituto dell’infortunato Robert Kubica. Ecco subito un altro record come pilota più giovane ad aver ottenuto un punto iridato. La sua grande prova ingolosisce la Red Bull che lo strappa alla BMW e lo mette sulla Toro Rosso al posto di Scott Speed. Il tedeschino non tarda a stampare grandi prestazioni come l’ottimo quarto posto in Cina. Nel 2008 resta in Toro Rosso confermandosi. Il culmine dell’annata lo raggiunge con la vittoria del GP d’Italia sotto pioggia battente. E’ nata una stella. La Red Bull lo ritiene pronto per il salto di qualità e lo promuove nel 2009. Il doppio diffusore della Brawn GP impedisce alle lattina di dominare già quella stagione. Vettel, comunque, si porta a casa 4 successi ed il primo hat trick. Nel 2010 arriva il primo dei 4 titoli consecutivi ottenuto dopo un rocambolesco Gran Premio di Abu Dhabi al quale si era presentato terzo in classifica mondiale dietro ad Alonso e Webber. Ha solo 23 anni: mai nessuno come lui. Nel 2011, così come nel 2013, si registrano quelli più comodi. Nel 2012 c’è un altro duello con Alonso, vinto anch’esso in modo faticoso e dopo una rimonta a seguito di un incidente ad inizio gara che ha visto la sua Red Bull resistere incredibilmente all’urto. Si sa, i grandi campioni hanno anche una gran fortuna. Se la sorte avesse girato diversamente, di pochissimo, a quest’ora Vettel avrebbe festeggiato “solo” il suo secondo alloro. Sarebbe stata comunque una carriera incredibile. Con 4 titoli a 26 anni va oltre ogni immaginazione, raggiunge Prost, mette dietro Senna, Lauda e Stewart. Vede davanti a sé solo Fangio e Schumacher con 5 e 7 titoli rispettivamente nella graduatoria di tutti i tempi.

    Tutti i record di Vettel

    A seguire trovate una lista di primati che appartengono a Sebastian Vettel. Cliccate qui per confrontarla con Michael Schumacher. Tenete, però, conto che il ragazzo non è neppure a metà della propria carriera e che tutto ciò è arrivato con appena 117 Gran Premi sulle spalle! 117 eventi nei quali ha già racimolato: 4 titoli mondiali, 35 vittorie, 58 podi, 1.351 punti, 42 pole position e 21 giri più veloci. Insomma: il bello deve ancora arrivare!

    Maggior numero di punti conquistati in una stagione: 392 nel 2011.

    Maggior numero di podi in una stagione: 17 nel 2011.

    Maggior numero di partenze in prima fila in una stagione: 18 nel 2011.

    Maggior numero di pole position in una stagione: 15 nel 2011.

    Maggior numero di giri al comando in una stagione: 739 nel 2011.

    Maggior numero di vittorie partendo dalla pole position in una stagione: 9 nel 2011

    Pilota più giovane a guidare in un weekend di gara ed a chiudere con il miglior tempo: a 19 anni e 53 giorni prende parte alle prove libere del GP di Turchia del 2006.

    Pilota più giovane a chiudere in zona punti un GP: 19 anni e 349 giorni nel GP degli USA del 2007

    Pilota più giovane a guidare una gara per almeno un giro: 20 anni e 89 giorni nel GP del Giappone del 2007.

    Pilota più giovane ad ottenere una pole position: 21 anni e 72 giorni nel GP d’Italia del 2008.

    Pilota più giovane a salire sul podio: 21 anni e 73 giorni nel GP d’Italia del 2008.

    Pilota più giovane a vincere un GP di F1: 21 anni e 73 giorni nel GP d’Italia del 2008.

    Pilota più giovane a vincere partendo dalla pole position: 21 anni e 73 giorni nel GP d’Italia del 2008.

    Pilota più giovane ad ottenere pole position, vittoria e giro veloce nello stesso GP: 21 anni e 353 giorni nel GP di Gran Bretagna del 2009.

    Pilota più giovane ad ottenere il grande slam(nello stesso GP: pole position, vittoria, giro veloce restando sempre al comando): 24 anni e 119 giorni nel GP d’India del 2011.

    Più giovane campione del mondo della storia: 23 anni e 135 giorni nel 2010.

    Nota: i record di podi in stagione che appartiene anche a Michael Schumacher e quello del numero di pole position in un anno che è stato ottenuto anche da Nigel Mansell, sono al momento condivisi. A differenza di Vettel, però, questi piloti hanno corso in Formula 1 quando il campionato del mondo prevedeva meno GP in calendario.