Sentenza McLaren, cosa c’è dietro?

Ma possibile che tutto questo gran baccano abbia portato la montagna a partorire un topolino? Dall’esclusione al campionato ad un’assoluzione completa sembra che ci sia il mare in mezzo

da , il

    GP Monaco inchiesta ordini di scuderia FIA Mclaren

    Ma possibile che tutto questo gran baccano abbia portato la montagna a partorire un topolino? Dall’esclusione al campionato ad un’assoluzione completa sembra che ci sia il mare in mezzo.

    E perché, poi, Bernie Ecclestone si sarebbe esposto così tanto, come se Ron Dennis fosse già spacciato?

    A ben vedere tutto torna…

    Facciamo un passo indietro e mettiamola così: dagli errori si impara.

    Il GP di Monaco 2007 poteva diventare un episodio storico della Formula 1 come fu Suzuka 1989 ma, dopo 18 anni di F1, anche Ron Dennis si è insavito, ha capito che gli interessi del team vanno al primo posto ed ha pensato bene di non buttare alle ortiche una doppietta comoda comoda.

    Se, poi, secondo l’inchiesta FIA tutto è stato fatto correttamente, in McLaren possono tranquillamente partire i festeggiamenti per la 150a vittoria della loro storia.

    Restando sul tema degli ordini di scuderia, ricordiamo che l’altro team che si gioca i titoli in palio è la Ferrari. E anche a Maranello non hanno bisogno di nessuna spiegazione su come si vince un mondiale tiratissimo ed equilibratissimo come l’attuale.

    Tornando sull’episodio di Monaco, poi, come spiegare che il tutto si è risolto in una bolla di sapone? Come mai ciò è avvenuto nonostante i grandi capi della Formula 1 si siano esposti in prima persona minacciando di tutto e di più per i colpevoli? Vuoi vedere che, sotto sotto, c’è dell’altro…

    Vuoi vedere che la polemica contro la McLaren era tutta “preparata”? Se Ecclestone apre bocca lo fa perché sa qualcosa. Questo è poco ma sicuro. Forse, allora, ha voluto avvertire in modo plateale McLaren (e Ferrari) che è cambiata musica da quest’anno?

    Forse ha voluto ribadire che ci sarà tolleranza zero sugli ordini di scuderia. Passi stavolta a Monaco ma, in un campionato così equilibrato, la tentazione di avvantaggiarsi con un piccolo scambio di posizione sarà forte anche nei prossimi Gran Premi.

    Team avvisati mezzi salvati. E quale miglior avviso che un’inchiesta durata 3 giorni?

    Peccato che, avendo fatto passare liscio questo precdente, ci saranno sempre dei margini per farla “sporca” senza essere puniti! Basterà dire che si aveva paura che entrasse la safety car, per esempio…