Sentenza McLaren: Mosley chiede l’Appello

Sentenza McLaren: Mosley chiede l’Appello

la FIa chiede l'appello sulla sentenza mclaren per chiarire definitivamente la vicenda e dare alla FErrari l'opportunità di esporre il suo punto di vista

da in Ferrari F1, Fia, Formula 1 2017, Max Mosley, McLaren F1, spy-story-f1
Ultimo aggiornamento:

    Sentenza McLaren: è Mosley a chiedere l'appello

    Chi l’avrebbe detto? E’ stata la FIA in persona a chiedere l’appello nei confronti della decisione del Consiglio Mondiale a riguardo della sentenza sulla McLaren che sta creando scandalo tra i tifosi della Rossa. E pensare che neanche la Ferrari aveva deciso di giocarsi questa carta. Come mai allora c’ha pensato Max Mosley? Avrà mica avuto qualche senso di colpa…

    No, macché. Niente sensi di colpa. Mosley lo ha fatto su richiesta scritta di Luigi Macaluso (presidente CSAI e membro del Consiglio Mondiale).
    In sostanza l’appello serve per dare l’opportunità di ascoltare anche le ragioni della Ferrari che, per prassi, non ha potuto parlare durante il processo del 26 Luglio.

    Portando la sentenza presso la Corte d’Appello, invece, il team di Maranello potrà quantomeno esporre il suo punto di vista sulla vicenda. Macaluso, inoltre, ha spiegato che non c’era solo la Ferrari come parte in causa interessata ma anche altri team di F1 che, ovviamente, beneficerebbero di una eventuale penalizzazione della scuderia anglo-tedesca.

    Appello o non appello, comunque, Max Mosley ha tenuto a precisare che nonostante i sospetti “non ci sono prove certe che la McLaren abbia ricevuto ed utilizzato le informazioni della Ferrari e, oltretutto, non era giusto penalizzare la squadra per le azioni di un suo singolo dipendente. Visto, però, che sembra opinione diffusa che il processo sarebbe potuto andare diversamente qualosa la Ferrari avesse esposto il suo punto di vista sui fatti, ho deciso di rimandare la questione alla Corte d’Appello federale.

    In questo modo spero che anche il pubblico della F1 accetti definitivamente la sentenza sia nel caso in cui sia confermata che nel caso in cui cambi”.

    Il punto del discorso sta proprio in quest’ultimo concetto. Stando così le cose e a meno che tutto il rumore fatto dalla Ferrari non abbia cambiato le carte in tavola, questa sentenza d’Appello sarà molto probabilmente un teatrino utile per ridare un minimo di credibilità alla FIA e alla F1 in questa vicenda, ma non cambierà assolutamente la sentenza. Se la McLaren non è stata punita perché non ha utilizzato quelle informazioni, non c’è argomentazione che tenga. Il passaggio sui cui ragionare, semmai, sarebbe il capire se il famoso articolo 151-c sulla buona immagine di questo sport sia stato violato per colpa solo di Coughlan o per colpa di tutto il team che sapeva ma non ha denunciato il fatto.

    465

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Ferrari F1FiaFormula 1 2017Max MosleyMcLaren F1spy-story-f1
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI