Sentenza McLaren: quanti sono 100.000.000 $?

quali saranno le conseguenza della multa da 100 milioni di dollari inflitta alla mclaren dalla FIA? Nessuna

da , il

    Sentenza McLaren: 100.000.000 di dollari da pagare. Possibile finisca tutto così?

    In pochi fino ad ora ne hanno parlato approfonditamente. D’accordo l’azzeramente dei punti nel campionato costruttori alla McLaren, ma che significato hanno quei 100 milioni di dollari di multa? E, soprattutto, quali conseguenze possono portare?

    Alla seconda domanda ha risposto lo stesso Ron Dennis:“il nostro budget annuale è di circa 4-5 volte superiore a quella cifra. Siamo una società solidissima e senza neanche un cent di debito. Abbiamo investitori forti e sicuri. Per cui non risentiremo della mancanza di quella somma per quanto significativa possa sembrare”.

    Partendo da queste considerazioni, passiamo a capire qualcosa di più riprendendo le parole di Bernie Ecclestone. “La McLaren e’ andata davvero vicina all’esclusione – ha ammesso il patron del Circus – Qualcuno di noi ha lottato e ha spinto per una applicare invece una multa. Per un team piu’ piccolo sarebbe stata letale ma non per la McLaren. Per cui posso dire che a loro è andata bene così. Molto meglio la multa che essere squalificati. E ammetto che ci sono andati molto vicini ma fortunatamente sono riuscito ad evitarlo!”

    Non so se è abbastanza chiaro. Mi sembra di sì. Bernie Ecclestone parla con orgoglio di sè stesso e si vuole prendere il merito per aver trovato questa ridicola scappatoia della multa come salomonica decisione che salva capra e cavoli.

    Presa come incontrovertibile questa decisione, sopra al team di Woking – a questo punto – resta solo la nuvola relativa alla stagione 2008. Tra multa milionaria, mancanza dei fondi relativi ai diritti Tv della FOA, calo di immagine e mini-fuga di sponsor (senza contare lo sconquasso a livello umano all’interno del team e l’assenza del capo-progettista Coughlan), la MP4-23 rischia di nascere un po’ zoppicante. Forse è questa la vera pena che hanno pensato di infliggere a Ron Dennis e soci. E forse è per questo che, almeno dal punto di vista sportivo, la Ferrari ha deciso di fermare la carneficina.

    L’unico dubbio che rimane sul campionato in corso, quindi, è: d’accordo il costruttori alla Ferrari. D’accordo un 2008 in affanno per la McLaren. Ma perché far finire il mondiale piloti 2007 a Woking-UK? Siamo sicuri che senza le indicazioni di Nigel Stepney, questo anno che si sta per concludere non sarebbe stato una cavalcata rossa come in Australia?