Simoncelli ci crede: in 250 è sfida Italia-Giappone

Domenica a Sepang si correrà il primo round della doppia sfida che vede l'italiano Marco Simoncelli in lotta contro il giapponese Hiroshi Aoyama per il primo posto in classifica e il titolo iridato della classe 250

da , il

    Domenica a Sepang si correrà il primo round della doppia sfida che vede l’italiano Marco Simoncelli in lotta contro il giapponese Hiroshi Aoyama per il primo posto in classifica e il titolo iridato della classe 250.

    Il mondiale 250 non poteva chiudere la sua gloriosa storia in maniera più emozionante: un campionato che sembrava deciso riaperto nelle ultime giornate, un’appassionante sfida tra la Gilera e la Honda, un pilota che ha corso bene ma che ora è in crisi (Aoyama) e uno (Simoncelli) che nonostante sia Campione del Mondo in carica ha ancora fame di vittoria e voglia di riscattare una stagione sfortunata.

    Il Campionato ora è aperto, ma voglio solo pensare a fare bene prima in Malesia e poi a Valencia. Alla fine faremo i conti,” ha dichiarato Simoncelli.

    Il Gran Premio di Malesia sarà di sicuro palcoscenico di una sfida che regalerà grandi emozioni a tutti gli appassionati. Dopo le due vittorie consecutive in Portogallo e Australia, Super Sic continua la sua rincorsa al titolo e farà di tutto per recuperare i 12 punti che lo separano dal pilota del team Scot Racing.

    Sepang porta bene a Simoncelli (proprio in Malesia l’anno scorso vinse il titolo mondiale con un terzo posto) ma Aoyama sul circuito malese va più forte (vittoria nel 2007 e secondo posto nel 2008).

    Una battaglia a due che sarà condita anche dalla presenza di due importanti personaggi “di contorno” che possono influenzarne l’esito: gli spagnoli Álvaro Bautista (Mapfre Aspar) e Hector Barberá (Pepe World Team) sono teoricamente ancora in ballo e faranno di tutto per tornare in corsa per giocarsi tutto a Valencia.

    L’ultima stagione di moto 250 si conclude dunque con un duello Italia-Giappone (con la presenza/disturbo della battagliera Spagna) che rappresenta la sfida vista tante volte nel motomondiale. Come dicevamo, la storica categoria non poteva uscire di scena in maniera migliore.