StOccate da MotoGP!

dichiarazioni piloti nel giovedì pre gara jerez 2006

da , il

    rossi-gibe

    Pur essendo cambiate le livree delle tute, il risultato non cambia.

    Sarà la tensione, sarà il clima della Spagna, ma gli animi proprio non riescono a quietarsi neppure all’inizio di una nuova avventura di motomondiale. Moto nuova, piloti nuovi, colori nuovi, ma sempre le stesse stoccate.

    E chi pensava che con l’assenza di Biaggi sarebbero finiti i problemi di chattering si sbagliava di grosso, così come coloro che speravano in una fine, se non pacifica almeno diplomatica, degli scontri verbali (e non) tra Rossi e Gibernau.

    Utopia pura.

    Succede ieri, per esempio, che alla Press Conference Room del Media Center del tracciato di Jerez, all’inaugurazione della prima gara di stagione, non si sia andato al risparmio.

    Valentino se la prende con la moto, affermando che “di solito il chattering è un problema che compare solo sulla pista di Barcellona, ma questa volta anche a Jerez” e sperando in un miracolo Michelin.

    Gibernau (e qui incomincia il valzer delle stoccate), a cui evidentemente, dopo un anno, fa ancora male la spalla, se la prende con Valentino e attacca: “ In questi anni ho capito una cosa: è il team e non il pilota, che vince il titolo”. Traduzione: “ Se Rossi non avesse avuto quella squadra, avrei vinto io”.

    Pedrosa non è di quelli che stanno solo a sentire e si fa avanti: “Non temo Valentino, anche se so che non sarà facile per me. Per potere competer ad alti livelli in Motogp serve fare parecchia esperienza” si legge in una intervista sul quotidiano sportivo spagnolo `AS` .

    E continua: “In ogni caso io cercherò di dare il massimo per ottenere dei buoni risultati. Ho dalla mia parte una squadra straordinaria, la migliore del mondo“.

    Gli si può anche credere. Ma, per favore…nessuno lo dica a Gibernau!