Superbike 2009: tanti piloti, ma gli sponsor?

Il mondiale Superbike iniziera' tra qualche giorno ed ancora alcuni team, tra i piu' importanti, non hanno ancora trovato il main sponsor

da , il

    La stagione della Superbike sta per iniziare e tra qualche giorno torneremo a vedere delle belle battaglie in pista. Si tratta di un’annata storica per il mondiale delle derivate di serie con il record di partenti e ben sette case diverse a contendersi il titolo. Tutto molto interessante per gli appassionati, ma sembra molto meno dalle aziende che hanno lasciato diverse moto senza sponsor.

    In casa Yamaha si e’ tornati ai colori sociali bianco e blu dopo la parentesi rossa dello sponsor spagnolo Santander del 2008 e addirittura le due debuttanti della SBK, l’Aprilia e la BMW si trovano ad affrontare la prima gara a Phillip Island senza nessun main-sponsor sulla carena.

    Abbiamo parlato, in questo turbolento inverno,della crisi della Motogp causato dallo spettacolo pessimo e dai costi elevatissimi per partecipare ad una stagione, ma ci consolavamo con una Superbike che stava per affrontare una stagione storica per numero d’iscritti, case produttrici e livello di competitivita’ elevatissimo. Pero’ il fatto che molte case, tra le piu’ seguite dai media e dai tifosi, non hanno ancora trovato un’azienda capace di contribuire alle spese,fa pensare che non si tratta di avere un mondiale piu’ o meno competitivo o piu’ o meno seguito, si tratta solo di una congiuntura economica molto negativa che colpisce tutto il panorama motoristico, dalle moto alle auto.

    Sicuramente avere uno sponsor in carena non aiuta ad andare piu’ forte nel breve periodo, ma se si vuole mantenere negli anni un livello di competitivita’ accettabile, le spese da affrontare sono tante e l’aiuto di qualche grande azienda puo’ essere fondamentale per la continuita’ di un progetto. Probabilmente in casa Yamaha potrebbero fare a meno di uno sponsor per qualche anno, ma ad esempio a Noale qualche euro fresco non farebbe per niente male.

    Immagini prese da: www.corrieredellosport.it, Nextmoto, www.tuttosport.com.