Superbike 2011: Carlos Checa vuole ripetersi

Il 2011 Carlos Checa potrebbe essere un altro anno memorabile: il pilota spagnolo ha già corso con la sua Ducati privata del Team Althea Racing un ottimo WSBK 2010, chiudendo terzo dietro Max Biaggi (Aprilia Alitalia) e Leon Haslam (Suzuki Alstare)

da , il

    SBK 2011 Carlos Checa

    Il 2011 Carlos Checa potrebbe essere un altro anno memorabile: il pilota spagnolo ha corso con la sua Ducati privata del Team Althea Racing un ottimo WSBK 2010, chiudendo terzo dietro il campione italiano Max Biaggi (Aprilia Alitalia) e l’inglese Leon Haslam (Suzuki Alstare) ma ora è pronto a ripetersi in sella alla sola Rossa di Borgo Panigale rimasta nella Superbike in seguito al ritiro della scuderia ufficiale dal mondiale SBK. Chissà se Checa, divenuto a tutti gli effetti il pilota di riferimento della Ducati, si sentirà un po’ un “Valentino Rossi“…

    Carlos Checa sarà infatti l’unico alfiere Ducati nel WSBK 2011 poiché la casa di Borgo Panigale ha preferito rinunciare a schierare un team ufficiale in Superbike per concentrarsi sulla MotoGP. Ma cosa si aspetta per il 2011 lo spagnolo? “Per me è stata una crescita costante sin dal primo giorno che son salito in sella alla moto fino all’ultimo giorno dei test ad Aragon,” ha dichiarato Checa parlando della moto che piloterà nel 2011, “Spero che all’inizio del prossimo anno si potrà continuare su questo percorso ascendente, tutti stiamo lavorando per essere ancora più competitivi. Io mi trovo bene con la moto e col team, è un progetto dalla grande forza e molto intelligente, e sicuramente diventerà ancora più solido in diversi aspetti, questa è stata la tendenza ed è ciò che spero per il futuro.”

    Checa però non pensa di poter essere la sorpresa del WSBK 2011, poiché secondo lui il favorito è ancora Max Biaggi con la sua Aprilia, con Melandri che potrebbe dargli filo da torcere: “Biaggi sicuramente sarà l’uomo da battere. Marco non stupirà nessuno se dimostrerà di poter lottare lì davanti, Eugene Laverty ha già dimostrato di avere la stoffa per potere stare con i primi,” commenta lo spagnolo, “Per quanto riguarda Honda Jonathan Rea ha dimostrato già quest’anno di poter lottare per la vittoria, salvo poi infortunarsi nel finale di stagione. Dopo bisognerà vedere se Haslam sarà in grado di portare bene la BMW avanti, personalmente credo che abbia un bel lavoro da fare. Poi si dovrà tenere un occhio sulla Kawasaki, capire Haga cosa potrà fare con Aprilia. Speriamo noi di poter fare una stagione da protagonisti e riuscire a lottare per il campionato, che sarebbe il massimo.