Superbike 2011: Fabrizio punta al titolo di Biaggi

SUPERBIKE 2011 - Michel Fabrizio quest'anno sarà in sella alla Suzuki del Team Alstare dopo le stagioni passate col team ufficiale Ducati ed appare determinato a lottare per il titolo iridato WSBK detenuto dal concittadino Max Biaggi

da , il

    Superbike 2011: Michel Fabrizio, Alstare Suzuki

    SUPERBIKE 2011Michel Fabrizio quest’anno sarà in sella alla Suzuki del Team Alstare dopo le stagioni passate col team ufficiale Ducati (che quest’anno non parteciperà al mondiale SBK) ed appare determinato a lottare per il titolo iridato WSBK.

    Grinta e la determinazione sono le caratteristiche del “Gladiatore”: Fabrizio, 26 anni, romano come Max Biaggi, ha già fatto bene nei test di Portimao e ha intenzione di dare filo da torcere al Corsaro, attuale campione del mondo Superbike.

    Michel Fabrizio si è preparato scrupolosamente per poter disputare un campionato di vertice, puntando anche sulla preparazione atletica: “Non vogliamo lasciare nulla al caso. Ho anche testato la resistenza del fisico con un paio di cadute e mi sembra che vada tutto bene,” ha dichiarato il rider Suzuki, “Ma a parte tutto, la forma fisica diventerà un fattore determinante verso il finale di stagione quando sarà importante arrivare nelle migliori condizioni psicofisiche possibili.”

    La Suzuki di Fabrizio potrà lottare per il titolo come ha fatto lo scorso anno quella di Haslam? “Andiamoci piano, dobbiamo ancora iniziare la stagione e la moto ancora non ha concluso lo sviluppo adeguato,” ha dichiarato Fabrizio, “Dal primo contatto con la Suzuki il feeling è buono ma c’è da lavorare sodo e per questo saremo tra i primi ad arrivare a Phillip Island in Australia dove prenderà il via il mondiale proprio per una messa a punto più accurata che ci è stata impedita dal maltempo a Portimao.” La sua probabilmente è scaramanzia, perché non ha intenzione di sottrarsi alla sfida con Biaggi: “Per capire come stanno le cose bisognerà aspettare almeno un paio di gare, comunque la lotta è agguerrita e poi c’è sempre la rivalità casalinga con Max Biaggi, anche lui romano.