Superbike 2011: Melandri racconta il WSBK

La Superbike ha da quest'anno un nuovo protagonista: l'italiano Marco Melandri è il nuovo pilota della Yamaha ufficiale nel mondiale delle derivate di serie e cercherà di imprimere il proprio sigillo sul WSBK 2011

da , il

    Marco Melandri SBK 2011

    La Superbike ha da quest’anno un nuovo protagonista: l’italiano Marco Melandri è il nuovo pilota della Yamaha ufficiale nel mondiale delle derivate di serie e cercherà di imprimere il proprio sigillo sul WSBK 2011 e competere per il titolo iridato al pari di Max Biaggi, Jonny Rea, Carlos Checa e Leon Haslam.

    Melandri ha già eseguito un test con la YZF-R1, prima del recente intervento chirurgico alla spalla, per poter avere importanti indicazioni sul lavoro da fare in vista dell’inizio della stagione SBK 2011, programmato per l’appuntamento di Phillip Island a fine febbraio.

    Melandri ha ricevuto sensazioni molto buone dal test con la Yamaha YZF-R1: “Abbiamo lavorato tanto in Australia sulla nuova moto, anche perché il regolamento ci impone dei cambiamenti abbastanza radicali,” ha dichiarato l’ex pilota MotoGP, “Sono molto contento, siamo partiti con calma all’inizio e abbiamo avuto qualche difficoltà. Alla fine poi abbiamo fatto un ottimo lavoro, sapevo che era una pista difficile per la Yamaha quindi abbiamo preferito sempre lavorare con gomme vecchie per cercare di migliorare il ritmo di gara. Abbiamo compiuto un bel balzo in avanti e su una pista come Phillip Island potrà avvenire una buona partenza.”

    Ma dove sono le differenze tra MotoGP e Superbike secondo il pilota del Team Yamaha Sterilgarda? “In alcuni punti nei quali la MotoGP era stabile la Superbike si muove tanto, comunque c’erano alcuni punti nei quali migliorare riguardo alla moto e lo abbiamo fatto,” ha notato Melandri, “Certe volte è capitato anche il contrario, ovvero che in parti del tracciato la Superbike si muovesse meno rispetto alla MotoGP.