Superbike 2011: presentato il Supersonic Racing Team

SUPERBIKE 2011 - Il Supersonic Racing Team è stato presentato ufficialmente ieri al Bobadilla Club di Dalmine, dove è stata mostrata a giornalisti e addetti ai lavori la Ducati 1198 Supersonic e il pilota francese Maxime Berger

da , il

    Superbike 2011 team Supersonic Ducati

    SUPERBIKE 2011 – Il Supersonic Racing Team è stato presentato ufficialmente ieri al Bobadilla Club di Dalmine, dove è stata mostrata a giornalisti e addetti ai lavori la Ducati 1198 Supersonic con la quale la scuderia italiana correrà il WSBK 2011 e il nuovo pilota Supersonic, il francese Maxime Berger.

    Presenti il proprietario della squadra Danilo Soncini, l’ex pilota del team per la stagione 2010 Luca Scassa e il campione del mondo della classe 125cc della stagione 2000, Roberto Locatelli.

    SUPERSONIC RACING TEAM – Prima uscita ufficiale per la scuderia di Danilo Soncini e il pilota Maxime Berger, portacolori del team italiano nel prossimo campionato mondiale Superbike. Il patron Danilo Soncini – da tempo un fan del rider francese – è particolarmente fiducioso nei confronti della stagione che sta per cominciare: “Troppo facile e scontato puntare su piloti vicini ai quaranta. Piloti esperti, ma che a volte possono essere mossi più dall’interesse economico che non dalla passione e dalla voglia di emergere che invece caratterizza i giovani“.

    MAXIME BERGER – Il pilota francese si ritrova così a soli 21 anni ad avere una grande occasione per ben figurare nel mondiale SBK, non solo “cimitero degli elefanti” per le vecchie glorie della MotoGP (anche se è stata proprio una di queste, Max Biaggi, a vincere il titolo iridato 2010) ma anche trampolino di lancio verso la classe regina del Motomondiale, come dimostra il passaggio di Cal Crutchlow al Team Yamaha Tech3 e l’ormai consolidata affermazione di Ben Spies nel team ufficiale Yamaha: “Sarà il mio primo mondiale Superbike” – ha dichiarato Berger – “E’ l’obiettivo è quello di andare sempre a punti e di entrare qualche volta nella top ten. Però devo ancora imparare molte cose prima di poter sfruttare tutto il potenziale della mia moto“.