Superbike: a Monza attesa per Max Biaggi

Max Biaggi arriva a Monza come favorito: il Corsaro sta correndo quest'anno la sua miglior stagione nel mondiale Superbike e si spera che l'aria di casa gli faccia correre due gare a livello di quelle di Portimao

da , il

    Il campionato del mondo Superbike arriva finalmente in Italia dopo l’Australia, il Portogallo, la Spagna e l’Olanda: la prossima prova del WSBK sarà infatti quella sul circuito Monza, dove ci si aspetta di vedere i piloti italiani dare il meglio davanti al pubblico di casa.

    Max Biaggi del’Aprilia è sicuramente il centauro più atteso dell’appuntamento tricolore, se non il favorito, dato che finora sta facendo benissimo e occupa il secondo posto della classifica mondiale, ma si spera anche in una resurrezione di Michel Fabrizio e di tutto il Team Ducati Xerox.

    Max Biaggi arriva a Monza come favorito: il Corsaro sta correndo quest’anno la sua miglior stagione nel mondiale Superbike e si spera che l’aria di casa gli faccia correre due gare a livello di quelle di Portimao, in modo di conquistare (se non un’altra storica doppietta) più punti possibili e tentare l’arrembaggio al leader della classifica piloti Leon Haslam.

    E il pilota dell’Aprilia sa che i suoi tifosi gli staranno vicino per tutto il week-end di gara: “Non so cosa abbiano preparato questa volta i ragazzi del Fan Club ma sono sicuro che avranno fatto il massimo, come sempre. Non mi resta che aspettare domenica…

    Bisogna sperare che l’appuntamento di Monza sproni i piloti italiani SBK e che il tifo del pubblico di casa abbia su di loro lo stesso effetto degli spagnoli in MotoGP a Jerez, gasandoli al punto da mettere a segno due grandi gare: una seconda doppietta di Biaggi non ci starebbe per niente male!

    Ma non c’è solo l’Aprilia a difendere i colori di casa: a Monza si spera che tenteranno il riscatto anche i rider del team ufficiale Ducati, in particolare il romano Michel Fabrizio, entrato in crisi ad inizio stagione e desideroso di ripetere la performance dell’anno scorso, quando proprio a Monza ha vinto la sua prima gara in SBK.

    Restano gli altri piloti italiani in sella alle Ducati private, Luca Scassa e Lorenzo Lanzi, ma difficilmente riusciranno a lottare per il podio e dovranno accontentarsi di tenere alto l’onore nazionale entrando nei primi dieci.