Superbike Assen: Haslam allunga su Biaggi

Leon Haslam esce indenne dalla doppia sfida di Assen: nonostante il rider della Suzuki non abbia corso una prova brillantissima i suoi principali avversari in classifica generale, Max Biaggi (Aprilia Alitalia) e Noriyuki Haga (Ducati Xerox), non hanno saputo approfittarne

da , il

    La prova di Assen del campionato del mondo Superbike non è stata una delle migliori di Leon Haslam, ma al termine della doppia manche il centauro inglese del team Suzuki Alstare è riuscito a ribaltare il deludente undicesimo piazzamento in Gara 1 e a portare a casa un magnifico secondo posto in Gara 2, aumentando anche di due lunghezze il suo vantaggio su Max Biaggi (Aprilia) nella classifica mondiale piloti: sono venti i punti che lo separano ora dal Corsaro italiano

    
”Assen è stata una sfida molto, molto difficile. Ma sono felice perché ho rafforzato il mio vantaggio in classifica.”

    Leon Haslam esce indenne dalla doppia sfida di Assen: nonostante il rider della Suzuki non abbia corso una prova brillantissima i suoi principali avversari in classifica generale, Max Biaggi (Aprilia Alitalia) e Noriyuki Haga (Ducati Xerox), non hanno saputo approfittarne.

    Haslam ha chiuso infatti la prima gara all’undicesimo posto a causa di una perdita di pressione dell’aria della gomma anteriore, ma ha tenuto duro andando comunque ai punti: “In gara uno ho avuto un problema con l’anteriore ed ero 16° dopo cinque giri. Non ero sicuro se fosse un problema ai freni, ma finita la gara il team ha controllato e scoperto che il pneumatico anteriore aveva perso pressione,” ha dichiarato Pocket Rocket, “E’ stata una vera e propria lotta andare avanti, soprattutto quando mi sono trovato con altri piloti, ma ero determinato a finire in un modo o nell’altro.”

    Tutt’altra storia Gara 2, dove il pilota del Team Suzuki Alstare ha ottenuto un ottimo secondo posto: “La squadra per gara due ha cambiato i dischi anteriori e le pastiglie e così sono riuscito a fare una gara normale… E ‘stata fantastica, con un sacco di contatti ravvicinati,” ha continuato Haslam, “Ci siamo sgomitati, manubrio contro manubrio. E ‘stato molto duro, ma leale, è piaciuto molto a tutti quanti. Deve essere stata grande per i tifosi e, ovviamente, anche avere gli inglesi sul podio!