Superbike: Carlos Checa bravo ma sfortunato

Un piccolo problema elettrico

da , il

    Lo spagnolo Carlos Checa e la sua Ducati 1198 del Team Althea Racing hanno vissuto un fine settimana di luci ed ombre nella prova campionato del mondo Superbike che si è tenuta sul circuito statunitense del Miller Motorsports Park.

    Se da un lato infatti Checa ha inizialmente corso due ottime gare, dimostrando di poter competere ad armi pari con i primi della classe Max Biaggi e Leon Haslam, ma purtroppo è stato anche costretto al ritiro per problemi tecnici in entrambe le occasioni.

    Un piccolo problema elettrico. Forse un semplice sensore. A Miller il destino ha giocato un doppio brutto scherzo a Carlos Checa, trasformando quello che poteva essere un trionfo in una disfatta da zero punti che lascia tanto amaro in bocca a tutto il Team Ducati Althea Racing.

    In Gara 1 Checa era stato protagonista di una fantastica partenza, aveva superato Biaggi portandosi in testa e aveva condotto per ben diciassette giri (accumulando un vantaggio di un secondo e sei nei confronti dell’Aprilia) fino a quando la sua moto non si è rotta.

    Stesso problema all’ottavo giro di Gara 2, con Checa sempre primo seguito dal Corsaro, che ha così approfittato dei problemi della Ducati privata dello spagnolo per mettere a segno un’importantissima doppietta.

    Tutto è andato bene: il lavoro, la preparazione, la performance, il cuore, la gara, il team… Ma purtroppo il risultato non c’è stato,” ha commentato il Ducatista spagnolo, “Non era mai accaduto prima! Siamo stati forti e vado via da Salt Lake City a testa alta. Voglio voltare subito pagina e pensare ai test di Misano ed alla gara successiva dove possiamo fare ancora bene. Le corse, si sa, sono così.”

    I tecnici Althea Racing sono ora al lavoro per analizzare le cause del doppio ritiro e correre ai ripari: Checa in classifica SBK è quarto con 141 punti (116 in meno rispetto a Max Biaggi) e dovrà dare il meglio di sé a Misano Adriatico.