Superbike: Melandri, “Mai a cena con Biaggi”

Il secondo turno del Mondiale Superbike ha avuto come grande protagonista Marco Melandri: a Donington Park il pilota della Yamaha ha conquistato la vittoria in Gara 1 e un ottimo secondo posto in Gara 2

da , il

    SBK Marco Melandri donington

    SUPERBIKE – Il secondo turno del Mondiale Superbike ha avuto come grande protagonista Marco Melandri, nel bene e nel male: a Donington Park il pilota della Yamaha ha conquistato la vittoria in Gara 1 e un ottimo secondo posto (alle spalle di Carlos Checa) in Gara 2. Ma il weekend SBK verrà ricordato anche e soprattutto per il litigio ai box con Max Biaggi.

    In ogni caso Melandri ora è secondo nel WSBK alle spalle solo dello spagnolo del Team Ducati Althea e per lui si prospetta con mondiale ricco di soddisfazioni.

    MELANDRI – Nella prima manche l’italiano è stato protagonista di una bella vittoria in rimonta: “Gara 1 è stata una grande vittoria. Ero dietro ad un gruppo di piloti molto aggressivi, ho dovuto lavorare duramente per cercare di mantenere il mio ritmo e provare a passarli,” ha spiegato il pilota Yamaha SBK, “Sono riuscito a conquistare la seconda posizione verso la fine, cercando a quel punto di recuperare su Smrz: ci sono riuscito ed è arrivata la prima vittoria.”

    Melandri continua parlando di Gara 2, che lo ha visto arrivare secondo alle spalle di Checa: “La seconda manche è stata più difficile. C’era tanto freddo e ho perso un po’ di concentrazione perché la mano mi dava qualche problema, ma sono comunque felice di esser riuscito a concludere nuovamente sul podio in seconda posizione,” ha dichiarato l’ex MotoGP, “Abbiamo lavorato duramente per prepararci al meglio per queste due gare e penso che abbiamo fatto bene, mi sono divertito molto dimostrando che quest’anno disponiamo di un pacchetto competitivo. Adesso penso al resto della stagione, non vedo l’ora di tornare nuovamente in pista.

    MAX BIAGGI – E Melandri non può non accennare allo screzio con Biaggi dopo la Superpole: “E’ un episodio passato, se ci fossimo trovati sul podio la mano gliel’avrei anche data. Di sicuro non l’avrei invitato a cena,” afferma Macio, “Cosa è successo? Stavo facendo il mio giro lanciato con la gomma da tempo. Max andava più piano, mi ha visto da lontano e si e’ messo in mezzo alla linea apposta. Mi sono affiancato, gli ho fatto i complimenti e un paio di sorpassi. Lui se l’è presa. E’ recidivo ed è questo che dà più fastidio.”