Superbike Misano: si rivedono Ducati e BMW

Sul circuito di Misano Adriatico sono ritornati in primo piano due scuderie finora rimaste ai margini del WSBK: la Ducati Xerox - che grazie a Michel Fabrizio ottiene un quarto e un terzo posto - la BMW, che regala la Superpole e un podio a Troy Corser

da , il

    Il week-end di Superbike ha avuto Max Biaggi su Aprilia come indiscusso protagonista, con la sua fantastica doppietta che di fatto lo proietta verso il titolo iridato delle derivate di serie (sarebbe la prima volta per un rider italiano), ma sul circuito di Misano Adriatico sono ritornati in primo piano anche due scuderie finora rimaste ai margini del WSBK: la Ducati Xerox – che grazie a Michel Fabrizio ottiene un quarto e un terzo posto – la BMW, che regala la Superpole e un podio a Troy Corser.

    Michel Fabrizio può essere soddisfatto di Misano: il ducatista in Gara 1 ha ottenuto un buon quarto posto in gara uno (preceduto da gente del calibro di Biaggi, Checa e Corser) mentre in Gara 2 sale addirittura sul podio con un terzo posto ottenuto dopo essere stato anche in testa per alcuni giri.

    In gara 1 non potevo fare di più, ho spinto fino alla fine e mi sono dovuto accontentare della quarta posizione. Poi nella seconda manche non abbiamo vinto ma siamo saliti sul podio, che è comunque un buon risultato,” ha dichiarato Fabrizio nel dopo-GP, “Non è stato per niente facile e una volta che Max mi ha passato, non avevo nessuna possibilità di contrattaccare, ho dovuto fare di tutto per tenere la terza posizione lottando duramente con Crutchlow. Il podio lo dedico alla mia squadra perché ogni settimana i miei tecnici lavorano duro e continuano a credere in me.

    Troy Corser poteva invece aspettarsi di più dopo il record e la Superpole di sabato, ma il terzo posto di Gara 1 fa comunque ben sperare nel progetto della BMW: “Sono molto contento per come è andato il week-end,” ha commentato Corser, “E’ stata la miglior performance del team fino ad ora, con la nostra prima pole position e il podio di gara 1. Ma allo stesso tempo sono un po’ deluso perché sentivo di avere il passo per vincere entrambe la manche.”