Superbike: sarà l’anno di Leon Haslam?

Leon Haslam è stato il protagonista nella prima prova del Campionato Mondiale Superbike: il rider inglese ha vinto Gara 1 a Phillip Island, dividendo gli onori con Carlos Checa, pilota spagnolo dell'Althea che ha trionfato in Gara 2

da , il

    Leon Haslam è stato il protagonista nella prima prova del Campionato Mondiale Superbike: il rider inglese ha vinto Gara 1 a Phillip Island, dividendo gli onori con Carlos Checa, il pilota spagnolo del team Ducati Althea che ha trionfato in Gara 2.

    Per la carriera di Haslam la vittoria australiana (e il primo posto nella classifica provvisoria WSBK 2010) è stata una vera e propria svolta e ora l’inglese deve dimostrare di poter continuare a portare la Suzuki Alstare ai vertici del mondiale delle derivate di serie.

    Leon Haslam vince Gara 1 a Phillip Island, al primo tentativo come pilota ufficiale in un team ufficiale del WSBK, arrivando poi secondo al termine di Gara 2.

    L’avventura del pilota inglese nel campionato del mondo Superbike si preannuncia quest’anno interessante, anche perché Haslam è stato veloce anche durante i test invernali ed è ormai chiaro che non si tratta di un fuoco di paglia.

    Del resto il rider della Suzuki non è proprio un novellino, avendo corso a soli 26 anni già ben 62 gare SBK (tutte sotto l’occhio vigile di suo padre Ron) con all’attivo otto podi WSBK (conquistati su Ducati, Honda e Suzuki) e una serie di ottime prestazioni in sella alla Honda nello scorso mondiale Superbike.

    E ora il 2010 si prospetta più interessante del 2009: dopo il primo e il secondo posto sul circuito di Phillip Island l’abile Leon guida la classifica piloti del WSBK e ha intenzione di fare bene anche il 28 marzo sul circuito di Portimao, in Portogallo.

    Ducati, Aprilia e Yamaha sono avvertite: quest’anno c’è anche la Suzuki. Lo stesso vale per Max Biaggi, Nori Haga, James Toseland e gli pretendenti al titolo: Leon Haslam se la giocherà fino alla fine.