Superbike, Suzuki: Fabrizio si riabitua alla 4 cilindri

SUPERBIKE 2011 - Dopo l'addio della Ducati Corse al WSBK - almeno per quanto riguarda le moto ufficiali - Michel Fabrizio, pilota romano ex del Team Ducati Xerox, si è accasato alla Suzuki Alstare

da , il

    Superbike, la Suzuki di Fabrizio

    SUPERBIKE – Dopo l’addio della Ducati Corse al WSBK – almeno per quanto riguarda le moto ufficiali – Michel Fabrizio, pilota romano ex del Team Ducati Xerox, si è accasato alla Suzuki Alstare. Anzi, si tratta di un ritorno, poiché Fabrizio ha già gareggiato con Alstare nella stagione 2003, vincendo la Coppa FIM Stock 1000.

    Fabrizio, nel mondiale SBK dal 2006, vanta quattro successi e 32 piazzamenti sul podio.

    SUZUKI SBK – Il Team Suzuki Alstare quest’anno punta su Michel Fabrizio, che lascia la Ducati dopo tre anni in seguito alla soppressione del team Xerox per tornare alla casa che nel 2003 lo ha lanciato nella Coppa FIM Stock 1000: 
”Per me è stato un po’ come tornare a casa. Francesco Batta mi ha dato una grande opportunità nel 2003 e spero che anche il 2011 possa rappresentare una svolta nella mia carriera,” ha dichiarato l’ex ducatista, 
”La Suzuki ha un po’ ridotto il budget per lo sviluppo della Superbike ma la GSX-R è molto competitiva e lo scorso anno è stata l’unica a tenere testa all’Aprilia. La squadra inoltre andrà avanti con le proprie forze: per esempio nei test avevamo un motore diverso da quello utilizzato da Haslam nel 2010 e un ulteriore step è previsto per le gare estive.”

    FABRIZIO – L’ex pilota Ducati ha affermato che non è stato automatico tornare alla quattro cilindri dopo tre anni con la bicilindrica di Borgo Panigale: 
”E’ stata un po’ dura riprendere gli automatismi dopo tre stagioni sulla bicilindrica Ducati. Ma adesso sono a tornato un pilota da plurifrazionata,” ha dichiarato Fabrizio, commentando anche i suoi test invernali, 
”Abbiamo girato poco sull’asciutto ma abbiamo ancora due giornate a Phillip Island per completare programma e affiatamento. Sarà importante arrivare belli caldi alla prima gara. Cominciare il Mondiale con il piede giusto sarebbe importantissimo. In Australia io vado forte e anche la Suzuki.”