Superclassifica di Derapate, atto XIV: Turchia

da , il

    Massa Schumacher e Alonso

    Puntuale come una seconda guida che cambia le gomme nella TUA piazzola di sosta mentre ti giochi vittoria della corsa e rincorsa del titolo mondiale, ogni martedì dopo il GP arriva la Superclassifica di Derapate.

    Nella graduatoria delle più belle brutte figure del week-end turco vince anche stavolta Schumacher. E non poteva essere altrimenti…

    Michael Schumacher, vincitore. Diceva di avere una macchina perfetta. Sapeva di avere un compagno di squadra pronto a fare lo zerbino per farsi sorpassare da sua maestà. Ma pasticcia e ripasticcia e finisce terzo. Buuuuuuh!

    Team Ferrari, secondo. Soffrono ancora del complesso da Schumacherite: per non far andare in testa il tedesco in modo plateale ed evitare le SOLITE polemiche aspettavano il primo pit-stop (che non è arrivato). Lo capiscono o no che quando c’è un titolo di mezzo gli ordini di scuderia non si possono ma si DEVONO dare?

    Team McLaren, terzo. Continuano a fare la spia ed a fare polemica. Prima col mass damper della Renault ed ora con le ruote carenate della Ferrari. Se nessuno glielo ha ancora detto ci pensio: non è questo il modo per tornare a vincere! A meno che non riescano a dimostrare che è illegale correre con 4 ruote ben avvitate, tranne che per loro… ovviamente!

    Team Toyota, quarto. Tanto per non perdere il vizio cambio di motore per Ralf e per la Midlnad di Albers. Saranno contenti quelli della Williams a sapere che passeranno dai Coswort di Burro ai Toyota di marmellata!

    Motore Cosworth, quinto. Vedi sopra. Incredibile ma vero. Webber riesce a finire la corsa senza rotture… per Rosberg, invece, si confermano le aspettative!

    Yamamoto, sesto. Non finisce neanche stavolta. E pensare che era quello il suo unico obiettivo. Per il resto, infatti, doveva solo conservare la posizione: l’ultima!

    Sato, settimo. E’ questo l’unico modo per parlare di lui. Riesce addirittura a fare peggio di Yamamoto in qualifica: che vergogna…

    Trulli, ottavo. Sbaglia le gomme, sbaglia la partenza. Entra anche lui nel club dei piloti che le gare se le possono anche guardare dalla poltrona. Tranquillamente senza sudare e senza neanche bisogno di arrivare fino laggiù.

    Superclassifica del GP di Turchia

    01. Michael Schumacher – 10

    02. Team Ferrari – 8

    03. Team McLaren – 6

    04. Team Toyota- 5

    05. Motore Cosworth – 4

    06. Sakon Yamamoto- 3

    07. Takuma Sato- 2

    08. Jarno Trulli – 1

    Superclassifica dopo 14 gare:

    01. Juan Pablo Montoya – 45

    01. Team McLaren Mercedes – 45

    03. Giancarlo Fisichella – 44

    03. Gianfranco Mazzoni – 44

    05. Team Ferrari – 35

    06. Team Toyota – 33

    07. Felipe Massa – 29

    07. Michael Schumacher – 29

    09. Yuji Ide – 26

    10. Team Honda – 24

    11. Fernando Alonso – 16

    11. Spettacolo (assenza dello …) – 16

    11. Motore Cosworth – 16

    14. Jenson Button – 12

    14. Takuma Sato – 12

    16. Team Renault – 10

    17. Meteo – 9

    17. Super Aguri – 9

    17. Team Williams – 9

    17. Stella Bruno – 9

    21. Rubens Barrichello – 8

    21. Team Midland – 8

    21. Sakon Yamamoto – 8

    24. Christijan Albers – 7

    24. Ralf Schumacher – 7

    26. Christian Klien 6

    26. Jacques Villeneuve – 6

    28. Commissari di gara – 5

    28. Kimi Raikkonen – 5

    30. Tiago Monteiro – 3

    30. Bridgestone – 3

    32. David Coulthard – 2

    32. Nico Rosberg -2

    34. Sauber BMW – 1

    34. Team Red Bull – 1

    34. Flavio Briatore – 1

    34. Jarno Trulli – 1