Superclassifica di Derapate atto XV: Italia

da , il

    Aida Yespica e le meteorine alla Toro Rosso

    Puntuale ogni martedì, come il cacio sui maccheroni, dopo il GP arriva la Superclassifica di Derapate. Vincitori assoluti della più bella brutta figura del GP d’Italia sono… Briatore e quelli della Renault!

    Vincitore: Flavio Briatore: l’avevo definito – e tutt’ora ne sono convinto – un anti figura di m… per natura divina (o DNA se preferite). Ma stavolta fa un grosso scivolone. Prima spara a zero e poi ritratta “non sono stato capito”. Sembra Berlusconi. Sembra un politico qualunque…

    Forse qualcuno gli ha ricordato quale sarà la sua poltrona tra un paio d’anni. O forse ha avuto paura. Fatto sta che poteva andare fino in fondo. Doveva fare i nomi. Ecclestone, Mosley… insomma: tutti amici suoi.

    Secondo: Team Renault. Si dovrebbe saper perdere. E soprattutto si DEVE saper arrivare al traguardo. Battute a parte, l’impressione – regole e regolamenti esclusi- è che il team francese avesse già considerato suo il campionato. E che non riesca ad accettare non solo l’idea che si sia riaperto. Ma anche che possa perderlo.

    Si è visto che anche SENZA mass damper: le vetture vanno e-come-se-vanno. L’idea del complotto non è da scartare. Ma va capito come mai quelli della FIA avrebbero penalizzato due volte anche Schumacher e perché in quel modo così pesante.

    Terzo: Team Midland. Venduto agli olandesi. E’ riuscito a finire dietro alle Super Aguri un’altra volta. E i russi come lasciano? Con queste parole: “Il team da 20 mesi ad oggi non e’ solo piu’ stabile finanziariamente, ma anche piu’ competitiva sul tracciato, e diventa sempre piu’ forte“. Se quelli che l’hanno comprata c’hanno creduto, possiamo proprio dire che per la ex-Jordan è un passare dalla padella alla brace.

    Quarto: Team Honda. Che spettacolo. Nuovo record, o poco ci manca. Davidson riesce a mandare in fumo due motori nell’arco di pochi minuti. Va bene che Monza è Monza, ma proprio perché è Monza il motore dovrebbe essere particolarmente tenuto d’occhio!

    Quinto: Christian Klien. Deve proprio aver rotto le scatole in Red Bull. Questo è stato il suo ultimo GP. Dal prossimo ci sarà Doornbos. E pensare che ora cominciava ad andare “bene” come Coulthard. O forse è Coulthard che va male come Klien??

    Sesto: Ralf Schumacher. La prossima volta hanno detto che se vuole starsene a vedere la gara da dentro la pista… deve almeno pagare il biglietto! Almeno avesse creato un po’ di scompiglio, avesse fatto qualche incidente spettacolare (senza farsi male, però!). E invece niente. Solo arrivato fino in fondo. Dietro praticamente a tutti. Si fosse ritirato questo di Schumacher…

    Settimo: Luca Cordero di Montezemolo. Dopo quelli che lo chiamano Màicol all’americana e quelli che lo chiamano Mìcael alla tedesca. Ci pensa Montezemolo, nel giorno dell’addio, ad insegnare a tutti la corretta pronuncia del nome di Schumacher: si chiama Maikel! E tutti così sono contenti.

    Ps. Ma Schumacher non ha dato una mezza intervista in inglese, l’avete notato? Ha sempre parlato italiano! Come si vede che i tempi cambiano…

    Ottavo: Vitantonio Liuzzi. Era italiano, era a casa sua. Poteva avere molti più riflettori del solito. Ma lo si è visto? Poco, decisamente, poco. Poi si scopre che nel suo box gira una certa Aida Yespica (vedi foto sotto) e pure le Meteorine del TG4 che, non saranno merce di prima scelta, ma 2 al prezzo di una…

    Superclassifica del GP d’Italia

    01. Flavio Briatore – 10 punti

    02. Team Renault – 8

    03. Team Midland – 6

    04. Team Honda – 5

    05. Christian Klien – 4

    06. Ralf Schumacher – 3

    07. Luca Cordero di Montezemolo – 2

    08. Vitantonio Liuzzi – 1

    Superclassifica dopo 15 gare:

    01. Juan Pablo Montoya – 45

    01. Team McLaren Mercedes – 45

    03. Giancarlo Fisichella – 44

    03. Gianfranco Mazzoni – 44

    05. Team Ferrari – 35

    06. Team Toyota – 33

    07. Felipe Massa – 29

    07. Michael Schumacher – 29

    07. Team Honda – 29

    10. Yuji Ide – 26

    11. Team Renault – 18

    12. Fernando Alonso – 16

    12. Spettacolo (assenza dello …) – 16

    12. Motore Cosworth – 16

    15. Team Midland – 14

    16. Jenson Button – 12

    16. Takuma Sato – 12

    18. Flavio Briatore – 11

    19. Ralf Schumacher – 10

    19. Christian Klien – 10

    21. Meteo – 9

    21. Super Aguri – 9

    21. Team Williams – 9

    21. Stella Bruno – 9

    25. Rubens Barrichello – 8

    25. Sakon Yamamoto – 8

    27. Christijan Albers – 7

    28. Jacques Villeneuve – 6

    29. Commissari di gara – 5

    29. Kimi Raikkonen – 5

    31. Tiago Monteiro – 3

    31. Bridgestone – 3

    33. Luca Cordero di Montezemolo – 2

    33. David Coulthard – 2

    33. Nico Rosberg -2

    36. Sauber BMW – 1

    36. Team Red Bull – 1

    36. Jarno Trulli – 1

    36. Vitantonio Liuzzi – 1