Suzuka: commenti dal podio

da , il

    Podio SUzuka

    Alonso virtualmente campione del mondo e Briatore che tutto ad un tratto si dimentica polemiche e discorsi al vetriolo.

    Massa che racconta di aver forato una gomma e di aver perso così l’occasione di restare davanti ad Alonso.

    Fisichella, visibilmente commosso anche sul podio, dedica la sua gara ad un suo carissimo amico prematuramente scomparso.

    Fernando Alonso, vincitore:”Questa vittoria e’ una sorpresa per tutti noi, una bella sorpresa. Dopo le qualifiche, la Ferrari sembrava essere di gran lunga la migliore; ma, appena la gara e’ partita, ho potuto sentire che la mia macchina era ben bilanciata e che avevo la stessa velocita’ della Ferrari. Ho corso qualche rischio per superare Jarno all’inizio, perché rappresentava l’unica possibilita’, e poi piu’ tardi nel primo stint ho potuto vedere che Ralf aveva qualche problema e ho potuto attaccarlo alla prima curva. Dopo la seconda serie di soste, pensavo ancora di poter vincere, perché il gap che mi separava da Michael era di soli cinque secondi, quindi perché non crederci? Poi ho visto il fumo nella curva n.8 e mi sono preoccupato di guardare l’asfalto per evitare l’eventuale presenza di olio. Pensavo che dipendesse da una Spyker davanti a me e soltanto quando l’ho superato ho capito che era Michael. In seguito, abbiamo rallentato, cercando soltanto di giungere tranquilli al traguardo. Questa vittoria vuol dire molto per il Team Renault e l’abbiamo meritata, anzi l’abbiamo attesa fin dall’Ungheria. I ragazzi ai box, in fabbrica a Viry e ad Enstone, nonché alla Michelin, non si sono mai arresi per tutta la stagione. Ora siamo fiduciosi per il Brasile – ma non diamo nulla per scontato. Le gare sono lunghe e bisogna fare tutto nel modo giusto per essere sicuri di finire davanti. Siamo in buona posizione per il campionato, ma ad Interlagos correremo comunque per vincere.”

    Felipe Massa, 2°:”E’ un vero peccato per quello che e’ accaduto a Michael, che stava conducendo la gara. Anch’io ho avuto un problema nella prima porzione di gara, quando ho avuto una foratura sulla ruota posteriore destra, che ha provocato una lenta ma continua perdita d’aria: per precauzione, la squadra mi ha fatto rientrare ai box tre giri in anticipo sul previsto. Sono tornato in pista dietro una vettura piu’ lenta e li’ ho perso le mie chance di rimanere davanti ad Alonso e, per come sono andate le cose, di vincere la gara. Abbiamo ancora la possibilita’ di vincere il titolo Costruttori, anche se sappiamo che sara’ molto difficile: in Brasile, la mia gara di casa, daremo il massimo per riuscirci.”

    Giancarlo Fisichella, 3°:”Questo e’ stato un grande risultato: per me, per Fernando e per l’intero team. Ma, psicologicamente, e’ stato per me un weekend difficile. Il mio migliore amico di sempre, Tonino (Visciani), e’ morto lo scorso giovedi’, e per me non e’ stato facile. Vorrei dedicare a lui questo podio e dirgli “ciao”. Per quanto riguarda la gara, la macchina non era male ed avevamo una buona strategia, poiché sono riuscito a superare le Toyota in occasione delle soste. Anche gli pneumatici Michelin si sono comportati perfettamente ed abbiamo avuto il ritmo giusto per tutta la gara. Ora dobbiamo andare in Brasile ed essere aggressivi. Il team e’ determinato a vincere il Campionato costruttori e voglio essere sicuro di arrivare terzo in quello piloti. Quindi attaccheremo, saremo concentrati e cercheremo di vincere.”

    Flavio Briatore, Managing Director:”Vorrei ringraziare il nostro team per questo risultato. Abbiamo passato alcune settimane difficili, perdendo gare che avremmo dovuto vincere, ma siamo rimasti uniti e concentrati. Questo e’ un successo da godere tutti insieme. Fernando ha fatto un lavoro incredibile, Fisico e’ stato perfetto ed ha sfruttato bene la strategia ed i pit-stop sono stati impeccabili. Festeggeremo questa sera la nostra vittoria, ma non abbiamo ancora finito il lavoro. Sara’ questo il nostro unico pensiero per il Brasile.”