Suzuki: Capirossi a Jerez per stupire ancora

Dopo aver tagliato il prestigioso traguardo dei trecento Gran Premi in carriera, con la gara disputata recentemente in Qatar, il pilota della Suzuki, Loris Capirossi è pronto a stupire ancora nel prossimo step della MotoGP che avverrà sul circuito di Jerez

da , il

    Il recordman del Team Suzuki, Loris Capirossi arriva a Jerez de la Frontera con la cattiveria giusta per far bene nel prossimo Gran Premio di Spagna. Infatti, il centauro della moto sponsorizzata Rizla giunge sul tracciato spagnolo con la dote delle trecento gare disputate in carriera e anche se la corsa disputata in Qatar non è andata secondo i piani dell’ex Ducati, Loris ha cercato di migliorare la sua Suzuki, grazie al tempo concesso dall’eruzione del vulcano islandese che ha causato il rinvio del GP del Giappone, seconda gara della MotoGP 2010.

    Dopo aver tagliato il prestigioso traguardo dei trecento Gran Premi in carriera, con la gara disputata recentemente in Qatar sul tracciato internazionale di Losail, il pilota della Suzuki, Loris Capirossi è pronto a stupire ancora nel prossimo step della MotoGP 2010 che avrà luogo sul circuito di Jerez de la Frontera.

    A Capirossi, inoltre, non è andato proprio giù il rinvio della gara del Giappone, a causa dell’ormai celebre eruzione del vulcano islandese, perchè Motegi è una delle piste che perferisce di più nel panorama del Motomondiale.

    Il team di Paul Denning ha lavorato tanto durante i test invernali, al fine di consegnare una GSV-R competitiva nelle mani del saggio Loris e anche se i frutti della fatica non si sono evidenziati nella prima corsa della MotoGP 2010, a Losail, Capirex continua a credere nelle potenzialità della moto che ha sotto la sella e nel lavoro dei suoi tecnici e meccanici.

    Infatti, le parole del campione italiano prima di tuffarsi nella tre giorni di GP spagnolo, non lasciano spazio ad alcun segno di pessimismo: “noi siamo in una buona posizione per questo periodo dell’anno, per cui sarebbe stato bello vedere cosa avremmo potuto fare in Giappone. Non vedo l’ora di arrivare a Jerez per iniziare a lavorare di nuovo, siamo andati abbastanza bene lì negli ultimi due anni, quindi speriamo le cose vadano bene. Ho usato il fine settimana libero per tenermi in forma, più che riposarmi o e star seduto sulla spiaggia, quindi sono pronto per questo fine settimana”.