Tamada : che Sfortuna!

da , il

    Makoto Tamada - Splendida partenza in 4a posizione

    Eravamo tutti incollati allo schermo quando dietro ai “soliti noti” finalmente stavamo ammirando Kenny Roberts Jr. e Tamada dare vita a una grande gara che avrebbe potuto dare del filo da torcere al gruppo di testa. Avrebbe potuto.. perché all’undicesimo giro un ingresso di curva spericolato da parte di Kenny Roberts Jr, travolge il povero Tamada, con conseguente caduta di entrambi e gara finita.

    Subito il pilota americano si rialza per rassicurarsi sulle condizioni del pilota giapponese che, oltre a tanta rabbia da sbollire, non sembra aver riportato nessuna contusione, e sarà così regolarmente in pista negli USA. Un vero peccato poiché, dopo una partenza lampo che lo ha catapultato in quarta posizione, era in piena lotta podio assieme a Rossi – Melandri.

    Makoto Tamada commenta così: “Quando mi sono visto Kenny Roberts Jr. che mi colpiva all’interno mi sono quasi disperato perché fino a quel punto la gara era stata veramente buona.

    In effetti, sono partito bene recuperando subito cinque posizioni ed entrando quarto alla prima curva. Non avevo nessun problema a girare sul passo del gruppo di testa ed i sorpassi su Melandri e Rossi penso ne siano la dimostrazione. L’errore di Kenny mi ha privato di un possibile ottimo risultato e questo mi dispiace anche per tutti i ragazzi del Konica Minolta Honda Team, perché anche oggi la moto era velocissima. Penso che non avrò problemi fisici per correre a Laguna Seca, dove spero di potermi rifare immediatamente.”

    Gianluca Montiron e Giulio Bernardelle rispettivamente Direttore Generale e Direttore tecnico del team Konica Minolta Honda sono comunque soddisfatti del potenziale che la loro moto ha espresso e non sono demoralizzati per il mancato raggiungimento di una zona punti.

    “Finalmente abbiamo visto il potenziale del nostro pilota. – spiega Montiron – “E’ partito bene, motivato a lottare con il gruppo di testa e determinato a portare a casa un risultato che ci avrebbe consentito di alzare il morale del team. E’ stato un incidente di gara che può capitare, ma ci dispiace enormemente di aver sciupato un’occasione così ghiotta. Comunque noi non ci demoralizziamo ed adesso andiamo a Laguna Seca con ancora più convinzione, per far vedere che la gara odierna non è stato un episodio a sé stante.”

    “Non abbiamo mai smesso di credere nel potenziale del nostro pacchetto tecnico e nel metodo con cui approcciamo il lavoro di messa a punto della Honda RC211V in pista. – aggiunge Bernardelle – Nonostante tutto, oggi abbiamo ottenuto una piccola conferma della bontà di alcune nostre scelte tecniche e ritengo che questo debba servire da sprone a Makoto per poter ritornare ad essere definitivamente competitivo.”