…Tecnica Open Source, benvenuta!

da , il

    macchina open source

    Macchine che costano troppo e bollo che lievita a dismisura? Spare parts introvabili e pubblicità automotive ovunque?

    Niente paura, c’è la soluzione.

    Un ingegnere tedesco, tale Signor Markus Merz, ex progettista in BMW, tempo fa decise di salutare la casa teutonica per mettersi in proprio con una società di consulenza ingegneristica. Mente sveglia e indole brillante, Mister Merz, contatgiato dall’idea di “open source” propria del ondo informatico, ha pensato di dar vita…ad una macchina open source!

    Sarà una macchina per la quale nessuno potrà rivendicare il minimo diritto di brevetto e dai cui tutti potranno attingere, modificare, proporre, consigliare, progettare secondo le proprie possibilità e potenzialità per un obiettivo comune.

    E soprattutto gratuito.

    La macchina in questione ha già un nome: si chiama OSCAR, acronimo di Oper Source CAR e ambisce ad essere una fucina per geniali progettisti, una vetrina per informazioni generalmente segrete e laboratorio in fieri per uno sviluppo di alto livello dell’automobile.

    Il tutto senza rivendicare alcun diritto sul progetto.

    Idea folle all’inizio, ora OSCAR ha raccolto intorno a sè ingegneri, tecnologi, disegnatori ed esperti di ogni genere che, su un forum apposito, discutono di macchine open source e customer satisfaction, di specifiche tecniche e di design, di stile e di ergonomia.

    L’idea di Merz è semplice: la progettazione della sua autovettura non risponde alle leggi del marketing o alla concorrenza misurata, la sua tecnoclogia è in continuo sviluppo e questo è sufficiente per ottimizzare la vettura per il grande pubblico e per trovare nuove alternative che abbattano i costi dei materiali utilizzati e che garantiscano la sicurezza.

    Queste le parole di Merz: “Il mio staff lavora senza sosta al computer per fare in modo che il progetto sia sempre rinnovato al meglio e pronto per essere offerto a chi lo vuole scaricare per migliorarlo ulteriormente. L’idea ci sembra importante perché è la prima volta che si combina il concetto di open source a un hardware e l’automobile è un hardware davvero molto interessante“.

    Queste le specifiche base da rispettare per tutti gli appassionati che vogliono contribuire al progetto:

    lunghezza: 4 metri

    larghezza: 2 metri

    porte: 4

    motore: elettrico

    velocità max: 150 Km/h

    I forum a cui è possibile partecipare sono:

    Integrazione: si discute di design e ottimizzazione delle parti

    Moduli: si occupa di motore e sistemi di sicurezza

    Mezzi: si parla di simulazioni

    Network: partnership e dintorni

    Nasce solo un problema (quello più ovvio).

    Quando la macchina sarà pronta, chi la produrrà?

    Sono certo – dice orgoglioso Merz - che quando avremo raggiunto un ottimo livello informatico della macchina qualche società automobilistica, magari anche non grande, si interesserà al progetto e ci aiuterà a trasformare il modello in 3D in un prototipo reale. Il mio più grande sogno è quello di sedermi al suo volante“.

    Bellissima idea.

    Chissà se penserà anche ad una moto???