Telai fotocopia: Red Bull e Toro Rosso hanno trovato l’inganno!

Sono principalmente Red Bull e Toro Rosso, al momento, le squadre maggiormente nell’occhio del ciclone per il problema dei cosiddetti telai fotocopia

da , il

    Red Bull e Toro Rosso disegnate da Newey e presentate ancora da decidere quando

    Sono principalmente Red Bull e Toro Rosso, al momento, le squadre maggiormente nell’occhio del ciclone per il problema dei cosiddetti telai fotocopia. Ma per ogni legge che si rispetti, c’è un inganno già pronto che, se da una parte risolverà i problemi dei due team sopracitati, dall’altra alzerà sicuramente un gran vespaio di polemiche.

    Il regolamento, al momento, proibisce che una scuderia utilizzi un progetto telaistico di proprietà di un altra squadra. Per questo motivo, ad esempio, lo scorso anno la Super Aguri non ha corso con il telaio Honda ma ha dovuto costruirsene uno suo nell’arco della stagione.

    Anche per il 2007 il team di Aguri Suzuki, nonostante abbia utilizzato negli ultimi test del 2006 una vettura laboratorio molto simile alla Honda, ha già fatto sapere che ha in programma di creare un telaio personalizzato. Ispirato forse alla Honda, ma non copiato palesemente.

    Discorso diverso per la Red Bull che, dopo aver messo al lavoro il genio di Adrian Newey, vorrebbe trarne il massimo del risultato potendo portare in pista 4 vetture pressoché identiche.

    Il giudizio finale spetterà alla FIA, non nuova peraltro a imbarazzanti errori (vedi mass damper). A rendere fiduciosi quelli del beverone energetico sull’esito a loro positivo della vicenda c’è una “falla” regolamentare che consentirà, almeno a sentir loro, di avere l’approvazione da parte della Federazione ad entrambi i telai.

    In pratica, i due progetti – quello della Red Bull RB3 e quello della Toro Rosso STR2 - usciranno da un’entità esterna la Red Bull Technologies che fa capo ad Adrian Newey.

    Red Bull e Toro Rosso, perciò, saranno proprietarie di due progetti separati e diversi. Quanto diversi è tutto da valutare. Ed attorno a questo nodo si giocherà la partita decisiva.