Test F1 2014, 59 giri per la Red Bull: luce in fondo al tunnel? Ferrari, Alonso:”C’è molto da fare” [FOTO]

F1 2014: la Red Bull riesce finalmente a girare con continuità nei test invernali del Bahrain

da , il

    Test F1 2014, 59 giri per la Red Bull: luce in fondo al tunnel?

    59 giri compiuti dalla Red Bull RB10 al 5° dei 12 giorni totali di test invernali per la stagione 2014 di Formula 1 sono una notiziona. Sul circuito del Bahrain è accaduto quello che sembrava impossibile. Sebastian Vettel è riuscito a racimolare un po’ di chilometri, utili per raccogliere dati e fare un po’ di vera conoscenza con la sua monoposto. Gli austriaci sono tremendamente indietro con il lavoro ma possono farcela, Renault permettendo, a recuperare. Inutile per il momento guardare la classifica dei tempi. Lo stesso discorso, però, vale anche per Ferrari e Mercedes che stanno più in salute ma sono ancora lontane dalla forma migliore.

    Vettel: “Finalmente un giorno positivo”

    “E’ stato un giorno positivo - ha affermato Sebastian Vettel ad Autosport – C’è molto lavoro da fare ma è stato un inizio incoraggiante per l’affidabilità. La prima sensazione è che la macchina non sia male. Ogni giro ci ha permesso di imparare qualcosa. Non si può giudicare la prestazione, perché l’importante era fare chilometri e stavolta ci siamo riusciti”. L’ingegnere Andy Damerum ha spiegato che il problema tecnico del day 1 è stato risolto in scioltezza e nessun altro contrattempo è stato riscontrato:“Ci serve raccogliere quanti più dati perché sono essenziali per capire la vettura. Non siamo ancora usciti dal tunnel ma pensiamo di essere nella direzione giusta”, ha dichiarato.

    Alonso: “Grande sfida essere pronti per Melbourne”

    Non parla solo per sé e la Ferrari. Lo dice pensando anche ai rivali. Fernando Alonso crede che sia dura arrivare pronti alla prima gara dell’anno:“Non siamo ancora al punto di poterci concentrare sulle prestazioni ma l’importante è continuare ad accumulare chilometri – ha dichiarato l’asturiano ferrari.com – La squadra ha fatto un gran lavoro di preparazione durante l’inverno per questi test, questo ci permette di girare e sperimentare tutti gli aspetti legati a queste nuove e complesse tecnologie. Al momento tutto procede secondo le nostre aspettative ma ci sono ancora molte novità da scoprire: il tempo che squadre e piloti hanno a disposizione è limitato e sarà una grandissima sfida per tutti essere pronti per Melbourne”. La scuderia italiana ha lavorato sulla messa a punto della F14 T con particolare attenzione ai sistemi operativi del power unit ed alla valutazione del comportamento degli pneumatici Pirelli. Alonso ha accumulato 97 giri che sommati ai 64 del day 1 portano il suo totale a 161. Da domani arriverà Kimi Raikkonen.

    Roberg: “Iniziato il lavoro sul setup”

    La Mercedes è quella più avanti con i lavori. Nonostante Nico Rosberg si sia fermato oggi due volte in pista per problemi tecnici, nella compagine di Stoccarda regna il sereno. “Se fai tanti giri, è normale che escano fuori dei problemi - ha minimizzato il pilota tedesco – è bene che le cose che non vanno vengano fuori adesso. Noi non pensiamo che gli altri siano messi tanto meglio di noi, perché tutti accusano dei fastidi di gioventù. Oggi siamo riusciti anche ad iniziare un lavoro sugli assetti. Penso sia stata una buona giornata, perché ho trovato un buon feeling con la macchina”.