Test F1 2016, McLaren-Honda: risveglio dall’incubo?

Formula 1 2016: la McLaren-Honda parte quest'anno con il piede giusto. Poche ambizioni e tanto lavoro. Button macina chilometri senza grossi problemi tecnici e ritrova il sorriso...

da , il

    La McLaren-Honda ha abbassato le aspettative sin da subito per questa stagione 2016 di Formula 1. La mossa è strategicamente decisiva. Un anno fa prometteva di andare a podio entro i primi mesi e di giocarsela alla pari con la Mercedes prima dell’ultimo Gran Premio. La catastrofe sportiva che ha investito il team di Woking ha portato ad un approccio ben più cauto da parte di tutto lo staff. Così, il box anglo-nipponico ha molto da sorridere nel prendere atto che Jenson Button è riuscito a completare ben 84 giri nella prima giornata di test invernali sul circuito di Barcellona.

    CLICCA QUI per il live della terza giornata di test da Barcellona per la F1 2016

    McLaren-Honda, Button: “Ora conta solo che la macchina sia affidabile”

    “Oggi non abbiamo avuto problemi di affidabilità e gli unici lavori fatti sono stati sul set-up per cui è stata una prima giornata positiva – ha dichiarato Jenson Button a motorsport.com – Abbiamo potuto apprezzare dei miglioramenti in tutte le aree in cui ce n’era bisogno ma è presto per dire se saranno sufficienti. Per il momento la buona notizia è che tutto ha funzionato in modo corretto permettendoci di fare molti chilometri”. Saggiamente, il pilota della McLaren evita di fissare dei veri obiettivi per questa stagione 2016 di Formula 1 anche di fronte all’insistenza dei giornalisti presenti a Barcellona:“Ripeto, oggi contava solo concludere il programma di lavoro. Solo dopo inizieremo a scoprire le nostre carte. Non è questa la macchina che debutterà in Australia. Aspettiamo miglioramenti che arriveranno qui ed a Melbourne e che interesseranno sia il telaio che la power unit”.

    Bottas: “Non dimenticate la Williams!”

    Si fa un gran parlare delle chance che ha la Ferrari di impensierire le Mercedes e dei possibili ritorni di McLaren e Red Bull. Ci pensa Valtteri Bottas a ricordare che la Williams è stata nettamente la terza forza in campo del 2015 ed ora ha l’ambizione di mantenere quella posizione se non addirittura migliorarla:“Tutti facciamo progressi ed i dati che abbiamo raccolto sono molto positivi. Dobbiamo essere cauti ma l’inizio sembra promettente. Vogliamo vincere delle gare anche se sappiamo che non sarà semplice”. In verità, non tutto è andato alla perfezione. Il finlandese ha lamentato inizialmente un problema nel portare le gomme in temperature ed ha ammesso di non aver coperto tutti i chilometri preventivati:“Ad ogni modo, ho anche fatto dei buoni long-run. Le gomme sono state costanti e non ci hanno dato problemi di degrado nonostante la pista non fosse in condizioni ottimali”.