Test F1 a Jerez: Toro Rosso cerca il sereno

La pioggia non vuole proprio abbandonare il circuito di Jerez de la Frontera

da , il

    La pioggia non dà tregua nemmeno nella terza sessione di test, in programma sul circuito di Jerez de la Frontera. Anche la prima giornata è stata caratterizzata da continui cambiamenti meteo, con pochi momenti di tracciato asciutto e tutti i team costretti a fare i conti con l’incognita del maltempo, tanto che in questi giorni si era parlato addirittura di un possibile “trasferimento” dei test in Portogallo. Nonostante la pioggia, i primi test di ieri si sono conclusi con il miglior tempo di Vettel su Red Bull e dietro di lui Hamilton e Massa. In quarta posizione la Toro Rosso di Sebastian Buemi.

    GIORGIO ASCANELLI. Nel corso delle prime ore il tempo ha continuato ad ingannare i team, rendendo impossibile lavorare e avanzare con i loro programmi di sviluppo. Giorgio Ascanelli, direttore tecnico della scuderia di Faenza, ha inoltre ammesso che la presenza di acqua in pista anche nei test della scorsa settimana, ha limitato la possibilità di progredire e implementare il proprio lavoro. “Siamo sempre sullo stesso circuito e il tempo è lo stesso…non c’è modo quindi di fare molti passi avanti. Abbiamo provato diverse soluzioni per i freni, cosa che potrebbe sembrare stupida, visto che la pioggia non è proprio la situazione ideale per simili sperimentazioni, ma l’usura di quest’ultimi con l’asfalto bagnato può essere molto complessa e difficile da gestire.” In merito ai test precedenti, e alle soluzioni che andrebbero apportate, Ascanelli ha poi aggiunto: “Abbiamo avuto qualche problema elettrico e qualcuno legato alla meccanica; inoltre abbiamo alcune parti nuove da testare…a parte questo non c’è molto altro da dire però, tranne che 5 giorni consecutivi di pioggia cominciano davvero a stufare!”

    SEBASTIAN BUEMI. Stesso spirito per il pilota ufficiale di Toro Rosso, lo svizzero Sebastain Buemi, che ieri ha portato a termine 79 giri al volante della sua nuova STR5. “Non è stata per niente una giornata facile…siamo stati praticamente impossibilitati a testare qualsiasi cosa e ancora di più ad avere delle risposte chiare riguardo a quale direzione stiamo percorrendo. È veramente dura fare delle prove e ottenere dei riscontri quando il tracciato passa continuamente dall’asciutto al bagnato. In particolare poi, anche quando la pista si asciugava, rimanevano comunque delle zone abbastanza umide. Sarebbe stato meglio avere il sole, ma fortunatamente possiamo ancora portare a termine il programma di giri che abbiamo pianificato.”

    La Toro Rosso è tornata in pista oggi insieme agli altri team. Anche se la pioggia pare ormai essersi affezionata al circuito spagnolo, i piani della scuderia si concentreranno sul macinare il maggior numero di km, in modo da testare la vettura il più possibile e prepararsi in vista dell’ultima tornata di test, in programma a Barcellona dal 25 al 28 febbraio…con le dita incrociate per un raggio di sole.