Test F1 ad Abu Dhabi: con Ricciardo Red Bull da record, Ferrari dà l’addio a Bridgestone

Formula 1: conclusi i test per giovani piloti ad Abu Dhabi cn la grande prestazone della Red Bull con Ricciardo

da , il

    bridgestone f1 test abu dhabi

    Quella dell’addio alle gomme Bridgestone in F1, la seconda e ultima giornata di Test ad Abu Dhabi per i giovani piloti sulla Formula 1 si è conclusa nel segno di Daniel Ricciardo e della Red Bull. Il pilota di origini italiane si è preso il lusso di girare di oltre un secondo più veloce della pole position ottenuta da Sebastian Vettel sabato scorso. Ovviamente le condizioni ambientali e della pista erano completamente diverse. Ciò non toglie che, sceso dalla sua vettura, il ragazzo abbia tutto il diritto di dichiarare:”Mi sento pronto per il salto in Formula 1″. Verosimilmente, però, dovrà attendere almeno un altro anno.

    TEST F1. Tempo strepitoso per Daniel Ricciardo che ha avuto la possibilità di guidare la stratosferica Red Bull RB6 campione del mondo di Formula 1 anche nella seconda e ultima sessione di test dedicata ai giovani piloti. Per la cronaca, il telaio era quello usato da Webber per stradominare il GP di Ungheria. La pista è nettamente migliorata rispetto al weekend di gara e non aveva più i coni a delimitare la percorrenza sui cordoli (vantaggio stimato di 1,5 secondi al giro) ma l’australiano di origini italiane ha comunque stupito tutti gli addetti ai lavori. “Penso di essere pronto, mi piacerebbe mettermi alla prova – ha dichiarato Ricciardo parlando della Formula 1 – Ho fatto una discreta esperienza nelle categorie minori, questo è il mio quarto test con una F1”. Oltre alle prestazioni del tester Red Bull, da segnalare il secondo tempo di d’Ambrosio con la Renault e la presenza dell’italiano Davide Valsecchi con la HRT.

    Test F1 ad Abu Dhabi 2010: classifica dei tempi

    1. Daniel Ricciardo Red Bull 1m38.102s 77

    2. Jerome D’Ambrosio Renault 1m38.802s 83

    3. Sam Bird Mercedes 1m39.220s 82

    4. Gary Paffett McLaren 1m39.760s 84

    5. Jules Bianchi Ferrari 1m39.916s 93

    6. Sergio Perez Sauber 1m40.543s 91

    7. Paul di Resta Force India 1m40.901s 27

    8. Pastor Maldonado Williams 1m40.944s 81

    9. Jean-Eric Vergne Toro Rosso 1m40.974s 61

    10. Yelmer Buurman Force India 1m41.178s 67

    11. Davide Valsecchi Hispania 1m43.013s 32

    12. Luiz Razia Virgin 1m43.525s 70

    13. Josef Kral Hispania 1m44.143s 61

    14. Rodolfo Gonzalez Lotus 1m44.312s 41

    15. Vladimir Arabadzhiev Lotus 1m45.723s 49

    BIANCHI – FERRARI. Nessun acuto per il collaudatore della Ferrari Jules Bianchi. Il pilota francese si è messo al servizio della squadra effettuando un lavoro certosino di raccolta dati sul comportamento della vettura. Non a caso è stato il più assiduo in pista con ben 93 giri completati. “Sono stati due giorni molto interessanti – ha detto Bianchi - Abbiamo potuto raccogliere tanti dati per approfondire la conoscenza del comportamento della vettura e, per me, per cominciare a lavorare con la squadra in vista del prossimo anno”.

    ADDIO BRIDGESTONE. Ieri è stato l’ultimo giorno della Bridgestone in Formula 1. Oggi i team faranno pausa mentre domani inizieranno, con i piloti titolari, l’avventura Pirelli Pzero. “Voglio cogliere quest’occasione per ringraziare ancora una volta la Bridgestone per questi lunghi anni di partnership, contrassegnati da tanti bellissimi successi – ha dichiarato Stefano Domenicali della Ferrari E’ stato un piacere lavorare accanto agli uomini della casa giapponese, conoscere una cultura aziendale diversa dalla nostra e scambiarci esperienze, sempre con professionalità e grande passione”.