Test Jerez F1 2012: con Alonso si rompe la Ferrari

Formula 1: commento alla terza giornata dei test di Jerez per la stagione 2012

da , il

    F2012 - alonso - ferrari

    Della prima settimana di test invernali della stagione 2012 di Formula 1 si è capito con certezza una sola cosa: impossibile dar retta alla classifica dei tempi. Basti dire che nella terza giornata sul circuito di Jerez è ancora la Mercedes del 2011 la vettura più veloce in pista. Ciò appurato, riteniamo molto più interessante commentare il lavoro svolto dai vari team. Tra questi continua a far parlare di sé la Ferrari che con Fernando Alonso ha proseguito nella solita raccolta di dati girando spesso a velocità costante. La novità di giornata riguarda il primo problema tecnico della storia della F2012: un guasto al sistema idraulico ha tenuto fermo Alonso per quasi due ore.

    Test Jerez F1 2012: 9 febbraio

    E’ sempre la Mercedes W02 del 2011 la vettura più veloce in pista sul circuito di Jerez nella prima settimana di test della stagione 2012. Stavolta al volante della monoposto tedesca c’era Nico Rosberg. Tra le auto del 2012, la più veloce è stata la Lotus GP di Romain Grosjean che ha rifilato circa 8 decimi alla Red Bull di Sebastian Vettel. Il francese è stato anche uno dei più assidui in pista con ben 117 tornate all’attivo ed ha mostrato un buon passo con gomme a mescola media. Dietro a Vettel troviamo Lewis Hamilton con la McLaren, Jean-Eric Vergne con la Toro Rosso e Sergio Perez con la Sauber. Questi piloti sono racchiusi in meno di mezzo secondo. Abissale, invece, il distacco della Ferrari. Fernando Alonso è a due secondi dalla Lotus. Lo spagnolo si è dovuto anche fermare a lungo al box per un problema di natura idraulica. Completano la classifica Bruno Senna e Giedo van der Garde. Da segnalare che un’uscita di pista di Jules Bianchi con la Force India dopo soli due giri ha danneggiato la vettura al punto che non è stato possibile ripararla per svolgere il lavoro giornaliero previsto.

    Test Jerez F1 2012, 09/02/2012: classifica dei tempi e giri percorsi

    1. Nico Rosberg – Mercedes – 1’17″613 – 118 giri

    2. Romain Grosjean – Lotus-Renault – 1’18″419 – 117 giri

    3. Sebastian Vettel – Red Bull-Renault – 1’19″297 – 96 giri

    4. Lewis Hamilton – McLaren-Mercedes – 1’19″464 – 80 giri

    5. Jean-Eric Vergne – Toro Rosso-Ferrari – 1’19″734 – 79 giri

    6. Sergio Perez – Sauber-Ferrari – 1’19″770 – 48 giri

    7. Fernando Alonso – Ferrari – 1’20″412 – 67 giri

    8. Bruno Senna – Williams-Renault – 1’21″293 – 125 giri

    9. Giedo van der Garde – Caterham – 1’23″324 – 74 giri

    Ferrari: lenta e ora anche fragile

    Felipe Massa ha parlato di grande potenziale da esprimere per la Ferrari F2012. Alonso ha mostrato che il lavoro va fatto in più direzioni: non solo migliorare la conoscenza del mezzo ma anche affinare l’affidabilità. Delusi, quindi, i quasi 5mlla suoi connazionali sulle tribune di Jerez. La Ferrari non è riuscita a girare sui tempi degli avversari e comincia a non consolare più il sapere che la Rossa era farcita di sensori ed il suo pilota ha lavorato ancora sulla raccolta dati. Ne è un esempio la McLaren che fino a ieri ha mostrato tempi analoghi a quelli della monoposto italiana ma oggi, con Hamilton, è saltata alle calcagna della Red Bull di Vettel.