Test Jerez F1 2012: Red Bull già davanti a tutti

Formula 1: commento alla seconda giornata di test per la F1 2012 sul circuito di Jerez

da , il

    Test per le nuove F1   2012

    Classifica dei tempi alla mano, nella seconda giornata di test per la stagione 2012 di F1 sul circuito di Jerez c’è una Red Bull davanti a tutti. La Mercedes di Schumacher, di fatto più veloce anche di Webber, non conta. Il tedesco ha girato con una monoposto del 2011 al solo fine di fare conoscenza con i nuovi pneumatici Pirelli. Tra le vetture del 2012, la Red Bull si mostra in forma splendente. Discorso diverso per Ferrari e McLaren che continuano a lavorare nell’ombra.

    Test F1 2012 a Jerez: 8 febbraio

    Schumacher piazza la zampata nella seconda giornata di test della F1 2012 a Jerez. Completa una distanza pari a due Gran Premi in un solo giorno e raccoglie dati utili sulle nuove gomme Pirelli Pzero. Il suo miglior tempo, però, non conta nulla poiché fatto con una Mercedes GP del 2011. Conta di più, pur se le prestazioni nei test son sempre da prendere con le pinze, il responso cronometrico della Red Bull di Mark Webber. L’australiano rifila oltre un secondo di distacco a Ferrari e McLaren denotando già un buon ritmo. Da segnalare anche le buone prestazioni di Daniel Ricciardo con la Toro Rosso STR7 e Jules Bianchi con la Force India. Kimi Raikkonen è quinto con con una Lotus E20 che sembra faticare sul passo gara. Felipe Massa e Jenson Button, due tra i più attesi, hanno proseguito nel lavoro di raccolta dati senza dare mai l’impressione di cercare il limite. La Ferrari F2012 viene comunque descritta come un po’ troppo nervosa in inserimento di curva. Completano la classifica Sergio Perez con la Sauber, Pastor Maldonado con la Williams, Heikki Kovalainen con la Caterham e Pedro de la Rosa con la HRT.

    Test F1 2012 a Jerez del 8/02/2012: classifica dei tempi e giri percorsi

    1. Michael Schumacher – Mercedes – 1’18″561 – 132 giri

    2. Mark Webber – Red Bull-Renault – 1’19″184 – 97 giri

    3. Daniel Ricciardo – Toro Rosso-Ferrari – 1’19″587 – 100 giri

    4. Jules Bianchi – Force India-Mercedes – 1’20″221 – 46 giri

    5. Kimi Raikkonen – Lotus-Renault – 1’20″239 – 117 giri

    6. Paul di Resta – Force India-Mercedes – 1’20″272 – 69 giri

    7. Felipe Massa – Ferrari – 1’20″454 – 95 giri

    8. Jenson Button – McLaren-Mercedes – 1’20″688 – 85 giri

    9. Sergio Perez – Sauber-Ferrari – 1’20″711 – 68 giri

    10. Pastor Maldonado – Williams-Renault – 1’21″197 – 97 giri

    11. Heikki Kovalainen – Caterham-Renault – 1’21″518 – 139 giri

    12. Pedro de la Rosa – HRT-Cosworth – 1’22″128 – 64* giri

    Red Bull già competitiva

    Macchine diverse che hanno svolto programmi di lavoro diversi con carichi di carburante diversi e tipi di gomme… diverse. Dare credibilità alla classifica dei tempi, quindi, è da tipi coraggiosi. Coraggiosi come Mark Webber. Il pilota Red Bull precisa che sarebbe sciocco esaltarsi per così poco ma dichiara fiducioso:“La nostra vettura è già competitiva. Ci sentiamo ben preparati ma Ferrari e McLaren arriveranno. Dobbiamo quindi migliorare ancora e sappiamo quale strada c’è da percorrere”.