Test Jerez F1 2015: quanto valgono i migliori tempi di Vettel e la Ferrari?

Formula 1 2015: Vettel commenta i suoi primi due giorni di test a Jerez con la nuova Ferrari SF15-T. E Hamilton spiega quanto valga il suo primato in classifica dei tempi...

da , il

    Sebastian Vettel lascia oggi il volante della Ferrari SF15-T a Kimi Raikkonen che lavorerà nella seconda metà dei test di Jerez. La stagione 2015 di Formula 1 inizia con un tedesco imbattuto nei primi due giorni di prove sul tracciata andaluso. Ma questo buon segnale quanto peso può avere nel capire la reale competitività della monoposto uscita dalla fabbrica di Maranello? La risposta è secca: zero! Sarà facile entusiasmarsi. Ed è bene che sia così. Ma vanno tenuti i piedi saldamente per terra. Lo ripetiamo.

    Vettel: “Non abbiamo ancora visto i rivali”

    “E’ troppo presto per sbilanciarsi sul valore reale di questa monoposto, soprattutto considerando il fatto che non si possono fare paragoni con le altre squadre, impegnate in programmi diversi - ha spiegato Sebastian Vettel su ferrari.com – Direi però che c’è una buona base su cui lavorare. Abbiamo girato parecchio, anche con la pioggia, provando le nuove gomme intermedie che si sono comportate molto bene, raggiungendo la giusta temperatura nonostante il freddo: un deciso passo avanti”. I giornalisti presenti a Jerez sono rimasti colpiti dall’applauso che a fine sessione Vettel ha ricevuto dai meccanici:“Be’, erano tutti contenti che anche girando sul bagnato non sia successo niente di male: i ragazzi hanno già abbastanza lavoro da fare ai box…”, ha minimizzato.

    Hamilton: “I tempi sul giro ora non contano niente”

    A buttare acqua gelida sulle speranza dei tifosi Ferrari è Lewis Hamilton. Il campione del mondo – al pari del compagno Rosberg - ha macinato chilometri con l’impressionante Mercedes senza dare troppa importanza alla prestazione. E’ evidente che i tedeschi sono talmente sicuri di loro stessi che andranno a spingere al limite più in là. Quando servirà davvero. “È fantastico aver girato così tanto in questi primi due giorni - ha ammesso Hamilton in conferenza stampa – abbiamo un buon passo e un’ottima base su cui lavorare. Il nostro obiettivo è passare da un’affidabilità dell’80% ad una del 90-95%”. Quanto alla velocità, verrà da sé:“La macchina è la stessa e si comporta in modo analogo a quella dello scorso anno. Ha solo più carico e penso che questo vantaggio sarà a tutti più evidente quando inizieremo a lavorare sugli assetti ed a spingere al limite“. Nessuna preoccupazione, quindi, se la Ferrari è – per ora – davanti:“Durante i test usiamo diversi carichi di carburante, quindi è del tutto irrilevante la posizione in classifica”, ha concluso.