Test Jerez F1 2015, Vettel: “In Ferrari è tutto diverso rispetto a com’ero abituato”

Formula 1: prima giornata di test del 2015 e Vettel commenta i suoi primi chilometri con la nuova Ferrari ammettendo di trovarsi in un mondo tutto nuovo per lui...

da , il

    Sebastian Vettel inaugura la propria vita da pilota Ferrari con il miglior tempo nella prima giornata di test della stagione 2015 di Formula 1. Il tedesco è il più veloce sul circuito di Jerez ma l’evento non deve destare troppi, facili, entusiasmi. Basta dare un’occhiata alla classifica per accorgersi che qualcosa non va. Al secondo posto, staccata di poco, c’è la Sauber. Red Bull e McLaren hanno avuto una prima battuta a vuoto per problemi tecnici. La Mercedes, invece, ha macinato un numero record di chilometri impressionando già tutti per la consistenza. Per seguire il LIVE della SECONDA giornata di Test a Jerez, BASTA CLICCARE QUI!

    Le parole dei piloti

    Temperatura dell’aria tra i 4° ed i 14° C, asfalto che ha sfiorato i 19° nelle ore centrali riscaldato da un timido sole. E’ stato questo lo scenario che ha accolto Sebastian Vettel alla sua prima vera giornata da pilota Ferrari. “Quello di oggi è un buon punto di partenza. Di più non voglio dire, perché siamo appena agli inizi. E’ tutto diverso, anche la filosofia della monoposto, rispetto a come ero abituato – ha dichiarato il 4 volte iridato su ferrari.com – Ma in squadra mi sono trovato subito bene, i ragazzi mi hanno accolto con tanto calore. I tempi sul giro per adesso non sono importanti, il migliore l’ho ottenuto con pneumatici a mescola media, ma il paragone dovremo farlo ancora una volta con la Mercedes. Sono molto veloci, spero solo che lo siano meno dell’anno scorso…”.

    Le parole dei piloti

    L’obiettivo di giornata era quello di verificare che i sistemi funzionassero e, salvo qualche piccolo imprevisto, tutto è filato liscio:“Da un lato mi spiace di non aver potuto coprire più distanza, per via dei problemi incontrati con la telemetria. Dall’altro, però, nei giri che abbiamo percorso ho visto la vettura compiere progressi”, ha spiegato il direttore tecnico James Allison. Più diretto è il team manager Maurizio Arrivabene: “Si direbbe che l’SF15-T abbia gradito i complimenti fatti alla presentazione! A parte gli scherzi, siamo solo agli inizi e in questa fase i tempi sul giro hanno un’importanza relativa. Continuiamo a tenere la testa bassa: piuttosto mettiamo in risalto il lavoro di una squadra che ho visto molto motivata e mi ha reso davvero contento. Un ‘bravo’ a Sebastian ma gli avversari, soprattutto la Mercedes, non sono certo da sottovalutare”.

    Le parole dei piloti

    Eh sì, la Mercedes già detta legge. Non inganni il fatto che Rosberg non ha già preso il volo in classifica dei tempi. “il nostro obiettivo era macinare chilometri e ce l’abbiamo fatta - ha ammesso il vice campione del mondo 2014 ad Autosport – non abbiamo accusato problemi e questo è molto positivo, perché lo scorso anno è stata l’affidabilità il nostro unico tallone d’Achille”. Rosberg fatica a trattenere un atteggiamento da cauto ottimismo:“Non voglio fare confronti con gli altri ma posso dire che il nostro è stato un ottimo inizio. Sono contento anche del comportamento della macchina soprattutto pensando che non abbiamo spinto al massimo”.