Test Jerez: gomme e non solo…

Sono state le gomme le protagoniste assolute nell’interesse dei team durante i test di questa settimana a Jerez

da , il

    McLaren  a Jerez

    Sono state le gomme le protagoniste assolute nell’interesse dei team durante i test di questa settimana a Jerez.

    Oltre agli pneumatici,comunque, l’obiettivo dei team era quello di preparare al meglio i prossimi appuntamenti a Hockenheim, Budapest e Istanbul.

    Day 1. Solo McLaren Mercedes e Williams nel primo giorno di test.

    Più veloce, anche se molto lontano da tempi di un certo rilievo, è De La Rosa che ha lavorato anche sull’aerodinamica, propulsore e su alcune nuove soluzione meccaniche.

    A tre decimi c’è l’aspirante al debutto in gara Gary Paffett che, lavorando sodo, spera di guadagnarsi una promozione prorio a scapito del collega spagnolo.

    Terzo e ultimo, infine, è Wurz con l’unica Williams presente.

    Day 1. I tempi.

    01. Pedro De La Rosa – McLaren Mercedes – 1’18.545 – 63 giri

    02. Gary Paffett – Mclaren Mercedes – 1’18.800 – 91 giri

    03. Alex Wurz – Williams Cosworth – 1’19.647 – 97 giri

    Day 2. Si popola la pit-lane con l’arrivo di Honda, Renault, BMW, Red Bull, Toyota, Toro Rosso e Midland.

    Così anche le prove sono diventate più interessanti ed indicative.

    De La Rosa, anche per non far venire dubbi ai suoi capi su un eventuale sostituzione con Paffett, spinge ancora al massimo e si prende un’altra volta il primato di giornata.

    Secondo è un’altro pilota che, per motivi diversi, ha voglia di mettersi in mostra: Kovalainen. Nonostante la sua Renault abbia accusato un problema tecnico, è stato lui il più assiduo in pista.

    Terzo e quarto posto per le Honda di Davidson e Button. Quinto Paffett e poi Kubica e Doornbos.

    Solo ottava la prima vettura Bridgestone, la Toyota guidata da Zonta che non sembra avere lo stesso passo dei migliori.

    Day 2. I tempi.

    01. Pedro De La Rosa – McLaren Mercedes – 1’17.547 – 85 giri

    02. Heikki Kovalainen – Renault – 1’18.029 – 128 giri

    03. Anthony Davidson – Honda – 1’18.200 – 107 giri

    04. Jenson Button – Honda – 1’18.273 – 82 giri

    05. Gary Paffett – McLaren Mercedes – 1’18.518 – 93 giri

    06. Robert Kubica – BMW Sauber – 1’18.753 – 82 giri

    07. Robert Doornbos – Red Bull Ferrari – 1’18.982 – 52 giri

    08. Ricardo Zonta – Toyota – 1’18.986 – 123 giri

    09. Alex Wurz – Williams Cosworth – 1’19.140 – 93 giri

    10. Olivier Panis – Toyota – 1’19.143 – 103 giri

    11. Jose Maria Lopez – Renault – 1’19.394 – 87 giri

    12. David Coulthard – Red Bull Ferrari – 1’19.459 – 65 giri

    13. Nick Heidfeld – BMW Sauber – 1’19.560 – 96 giri

    14. Neel Jani – Toro Rosso Cosworth – 1’20.379 – 51 giri

    15. Giorgio Mondini – Midland Toyota – 1’21.041 – 85 giri

    Day 3. Davanti si rivedono le Honda, proprio come ci avevano abituato a fare quest’inverno. Se allora ci avevano illuso, stavolta ci crediamo molto meno che questo loro piazzamento possa rappresentare qualcosa di significativo. A dimostrazione di ciò, dobbiamo segnalare anche un ennesimo guasto per la Honda del brasiliano.

    Barrichello e Button, comunque, primo e secondo.

    Terzo il sempre presente Kovalainen alla ricerca del giusto assetto e al lavoro sulle Michelin mentre quarto è un’altro collaudatore di belle speranze Robert Kubica che ha provato anche un nuovo alettone per la sua BMW.

    Seguono nell’ordine Raikkonen, Heidfeld, Coulthard. De La Rosa, che non riesce a confermarsi in vetta come nei giorni scorsi, è solo undicesimo.

    Segnaliamo, infine, un principio di incendio per Zonta al suo primo giro che gli ha impedito si segnare tempi cronometrati.

    Day 3. I tempi.

    01. Rubens Barrichello – Honda – 1’16.981 – 76 giri

    02. Jenson Button – Honda – 1’17.403 – 102 giri

    03. Heikki Kovalainen – Renault – 1’17.440 – 125 giri

    04. Robert Kubica – BMW Sauber – 1’17.980 – 96 giri

    05. Kimi Raikkonen – McLaren Mercedes – 1’18.025 – 57 giri

    06. Nick Heidfeld – BMW Sauber – 1’18.193 – 95 giri

    07. David Coulhard – Red Bull Ferrari – 1’18.719 – 41 giri

    08. Olivier Panis – Toyota – 1’18.802 – 127 giri

    09. Nico Rosberg – Williams Cosworth – 1’18.996 – 63 giri

    10. Robert Doornbos – Red Bull Ferrari – 1’19.104 – 48 giri

    11. Pedro De La Rosa – McLaren Mercedes – 1’19.134 – 36 giri

    12. Vitantonio Liuzzi – Toro Rosso Cosworth – 1’19.216 – 65 giri

    13. Tiago Monteiro – Midland Toyota – 1’19.286 – 75 giri

    14. Jose Maria Lopez – Renault – 1’20.634 – 47 giri

    Senza tempo

    15. Ricardo Zonta – Toyota

    Toyota a Jerez

    Day 4. Ritorno in vetta della McLaren. Stavolta è quella guidata da Raikkonen.

    Secondo Klien – che però ha sparato quel tempo a serbatoio scarico – mentre terzo è Barrichello, autore nel Day 3 del record dell’intera settimana di test.

    Quarto Kovalainen che ha subito un guasto, pare al motore verso fine giornata. L’altra Renault guidata da Alonso è sesta.

    Tra le due vetture francesi si è inserito Rosberg che ha dovuto lottare, oltre che con il caldo come tutti i suoi colleghi, anche con un problema al cambio.

    Note meno liete per due scuderie in crescita fino a questo momento. La BMW Sauber che ha apertamente deluso Villeneuve e la Toyota ancora alle prese con il surriscaldamento del suo V8 e con prestazioni lontane dai migliori.

    Day 4. I tempi.

    01. Kimi Raikkonen – McLaren Mercedes – 1’17.199 – 76 giri

    02. Christian Klien – Red Bull Ferrari – 1’17.320 – 100 giri

    03. Rubens Barrichello – Honda – 1’17.391 – 104 giri

    04. Heikki Kovalainen – Renault – 1’17.461 – 85 giri

    05. Nico Rosberg – Williams Cosworth – 1’17.520 – 122 giri

    06. Fernando Alonso – Renault – 1’17.774 – 119 giri

    07. Anthony Davidson – Honda – 1’17.885 – 111 giri

    08. Robert Kubica – BMW Sauber – 1’18.075 – 62 giri

    09. Gary Paffett – McLaren Mercedes – 1’18.328 – 137 giri

    10. Jacques Villeneuve – BMW Sauber – 1’18.741 – 80 giri

    11. Scott Speed – Toro Rosso Cosworth – 1’18.774 – 94 giri

    12. Ralf Schumacher – Toyota – 1’19.083 – 95 giri

    13. Christijan Albers – Midland Toyota – 1’19.139 – 98 giri

    14. Ricardo Zonta – Toyota – 1’19.955 – 54 giri