Test SBK 2013 Jerez: Sykes poleman non ufficiale, Melandri lo segue a ruota

da , il

    Si concludono per questo mese i test della Superbike, che vedeva impegnati tutti i top team nel circuito spagnolo di Jerez de la Frontera, con il solito (perché ormai non ci meraviglia più) Tom Sykes davanti a tutti. Lo definiamo non ufficiale perché KRT non ha montato i trasponder forniti dal circuito sulle moto ufficiali, ma pare che alcuni team armati di cronometro abbiano visto il Vice-Campione del mondo 2012 fermare il tempo sull’ 1’40″5, due decimi sotto il tempo di Marco Melandri, che invece in veste ufficiale comanda la classifica. E ci sono alcune sorprese che non sono totalmente inaspettate, ma fanno sorridere. Vediamole insieme.

    Abbiamo una gran quantità di commenti dei partecipanti ai test, ma prima vogliamo spendere una nota per la sorpresa di questi pre-season, ossia Davide Giugliano, che ha comandato la classifica per il primo giorno delle prove e chiude la due giorni con un fantastico 1’40″861. Al suo rientro, i commenti sono stati:” Sono contento di come sono andati questi test a Jerez. Da diversi mesi non salivo in moto e non vedevo l’ora di scendere in pista con la mia nuova RSV4. In sella alla Aprilia mi sono trovato benissimo, con un feeling davvero immediato sia sul bagnato che sull’asciutto. L’aver fatto segnare ottimi tempi sul giro mi rende felice, ma lo sono maggiormente perché in poco tempo sono riuscito a capire il carattere di questa moto. Certo il lavoro da fare è ancora molto ed avrò bisogno di più tempo per sfruttare tutto il grande potenziale della RSV4, però penso che non avrei potuto iniziare meglio“.

    Atteso per i conti di inizio stagione era anche Marco Melandri, che passava da uno stop dovuto all’operazione alla spalla, che a quanto sembra non lo ha ostacolato dal terminare con un crono di 1’40″758. Le sue parole: “Sono contento di come sono andati questi test. L’aspetto positivo è che non ho incontrato particolari problemi alla spalla infortunata: è stato un inverno difficile, ma oggi ha reagito bene e mi sarebbe piaciuto completare più giri per trovare ulteriori conferme. Per quanto concerne la moto abbiamo provato diverse cose in vista di Phillip Island, in primis novità in materia dell’elettronica trovando una strada ben delineata da seguire. C’è ancora del lavoro da fare, ma in termini di ciclistica ed elettronica abbiamo fatto dei passi avanti. Mi presenterò in Australia senza dubbio fiducioso dopo questi test“.

    Abbiamo strappato due parole anche all’Ufficioso capo classifica, Tommy Sykes, che ci ha detto:”Possiamo esser soddisfatti dopo questo test, ieri abbiamo perso tempo prezioso sul bagnato, ma oggi in condizioni normali siamo stati in grado di sfruttare appieno tutto il tempo a disposizione. Sono felice perchè Jerez non è uno dei nostri circuiti favoriti, ma i tempi non sono male: ho girato in 1’41″7 dopo 14 giri consecutivi con lo stesso set di gomme, posso ritenermi soddisfatto e fiducioso in vista di Phillip Island“.

    Tutti contenti dei test, tranne Ducati, che ha anticipato le altre case arrivando a Jerez il 19 e trovando un tempo che dichiararlo avverso era un eufemismo. Fatto sta che la Panigale sembra abbia bisogno di altri affinamenti, e non aiuta il poco tempo che rimane prima dello start del campionato. Adesso tutte le squadre sono attese ai test privati di Phillip Island, il 14 e il 15 Febbraio, dove si avrà un vero e proprio primo confronto cumulativo di tutti i piloti e di tutte le squadre presenti al via due week end dopo. L’atmosfera comincia a scaldarsi…

    Superbike World Championship 2013

    Test Jerez, Classifica 2° Giorno

    01- Marco Melandri – BMW Motorrad GoldBet SBK Team – BMW S1000RR – 1’40.758

    02- Davide Giugliano – Althea Racing – Aprilia RSV4 Factory – 1’40.862

    03- Eugene Laverty – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – 1’41.043

    04- Leon Camier – FIXI Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – 1’41.183

    05- Jonathan Rea – Pata Honda Team – Honda CBR 1000RR – 1’41.641

    06- Sylvain Guintoli – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – 1’41.683

    07- Chaz Davies – BMW Motorrad GoldBet SBK Team – BMW S1000RR – 1’41.727

    08- Leon Haslam – Pata Honda Team – Honda CBR 1000RR – 1’42.410

    09- Jules Cluzel – FIXI Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – 1’42.636

    10- Ivan Clementi – HTM Racing SBK – BMW S1000RR – 1’44.857